La conferma che risolve il dubbio: «Sfera Ebbasta stava arrivando a Corinaldo»

Dopo le dichiarazioni fatte dalla crew dell'artista arriva un'altra importante conferma riguardo la serata organizzata dalla discoteca di Corinaldo. Alcuni infatti avevano paventato che l'evento fosse solamente un fake per attirare i ragazzi nel locale

Sfera Ebbasta

«Come da contratto, alle 00,40 ha terminato l'esibizione e Sfera Ebbasta, insieme al suo staff, se ne è andato in tutta fretta per un evento in provincia di Ancona». A parlare è Enrico Galli, titolare dell'Altro Mondo Studios, la discoteca di Rimini dove il trapper milanese si era esibito venerdì sera, a poche ore dalla tragedia che ha distrutto la vita di cinque ragazzi ed una giovane mamma. E' stato proprio lui a confermare come l'artista poco dopo mezzanotte fosse già in viaggio verso Corinaldo, dove intorno alle 2 di notte sarebbe dovuto iniziare il suo djset. A distanza di un giorno ecco quindi arrivare una seconda conferma dopo quella della crew di Sfera Ebbasta. Poche ore dopo la tragedia infatti era stata la Sfera Ebbasta Thaurus Live, l'agenzia di booking e management che gestisce il giovane trapper, a confemare come il loro assistito fosse in viaggio verso la Lanterna Azzurra di Corinaldo. L'arrivo dell'artista era infatti previsto in tarda serata quando non avrebbe poi tenuto un concerto classico ma solamente un djset.

Una notizia che va a collidere con quanto invece affermato in queste ultime ore sui social network dove alcuni ragazzi e genitori avevano messo in dubbio l'esistenza stessa dell'evento, affermando come il concerto potesse essere in realtà un fake per far confluire nel locale più ragazzi possibili: «Come è possibile che Sfera non abbia mai nominato il locale di Corinaldo? - afferma un ragazzo in un video di Facebook diventato ormai virale - Qualcuno è stato messo li a posta per far uscire la gente così l'evento poteva saltare non per colpa della discoteca ma per un gesto isolato di qualcuno. Per questo è stato sparato lo spray al peperoncino. Sfera Ebbasta non sarebbe mai mai arrivato in discoteca». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Notizie ufficiali non sono ancora arrivate e tutto è ancora molto distante dall'essere chiarito definitivamente. Quel che sappiamo è che almeno questa piccola parte del dramma sembra aver trovato le risposte che alcuni aspettavano, in attesa che la magistratura faccia il suo corso e vengano chiarite tutte le responsabilità. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento