rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Cronaca

Lanterna Azzurra, chiesti 12 anni di condanna per l’ottavo della banda dello spray

La sentenza per Riccardo Marchi arriverà il 22 maggio prossimo. Discusso l’abbreviato la gup ha rinviato per repliche e verdetto. L’imputato non era in tribunale

ANCONA - Strage di Corinaldo, la Procura chiede 12 anni di condanna per Riccardo Marchi, 24 anni, bolognese. La richiesta è arrivata oggi, dopo cinque ore di udienza, al tribunale dorico, dove l’imputato procede con il rito abbreviato. Il giovane è considerato dall’accusa l’ottavo membro della banda dello spray che agí alla Lanterna Azzurra, la notte tra il 7 e l’8 dicembre del 2018, per commettere furti di collanine d’oro tra gli avventori del locale. Sarebbe stato insieme agli altri sette componenti della banda della Bassa Modenese (uno è poi morto prima di finire a processo) che spruzzarono peperoncino nella discoteca di Corinaldo, causando la morte di cinque minorenni e una mamma di 39 anni. Nel locale ci fu una fuga di massa e chi perse la vita rimase schiacciato da un muro umano. 

Nell’udienza di oggi, davanti alla gup Francesca De Palma, hanno concluso la discussione i pm Valentina Bavai e Paolo Gubinelli, le parti civile e la difesa dell’imputato, rappresentato dall’avvocato Cristiano Prestinenzi. Marchi non era invece in tribunale. È rimasto sempre a piede libero. La giudice ha rinviato al 22 maggio per repliche e sentenza. Il resto della banda dello spray è stata condannata a pene fino a 12 anni, in via definitiva dalla Corte di Cassazione. La figura di Marchi era emersa in un secondo momento per questo si è proceduto a parte.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lanterna Azzurra, chiesti 12 anni di condanna per l’ottavo della banda dello spray

AnconaToday è in caricamento