Sicurezza nei locali, il vigile del fuoco ricorda Corinaldo: in lacrime durante il convegno

Il funzionario ha preso la parola durante il convegno sulla sicurezza nel pubblico spettacolo e la sua mente è andata alla notte della strage

I soccorsi alla Lanterna Azzurra (foto di repertorio)

Ha passato trent’anni a studiare i sistemi di evacuazione dai locali in caso di pericolo, praticamente metà della sua vita a verificare l’idoneità di uscite di sicurezza e luci di emergenza. Per questo motivo la notte di Corinaldo lo ha toccato al punto da farlo piangere durante un convegno dedicato alla sicurezza nel pubblico spettacolo. Massimo Carducci è un funzionario dei Vigili del Fuoco e come tutti aspetta che la magistratura accerti la verità sui fatti della Lanterna Azzurra. Al termine dell’incontro, organizzato dall’associazione Fatto&Diritto a dal collettivo Hip-Nic giovedì scorso alla Mole (GUARDA IL VIDEO), non ha trattenuto le lacrime: «Per 30 anni ho studiato moduli, uscite di sicurezza, centimetri e ho studiato il perché le persone in caso di emergenza devono andare fuori dai locali. A Corinaldo, per assurdo, sono morte sei persone perché c’erano le porte aperte. E’ una cosa che mi ha suscitato una tensione particolare- ha detto tra l’emozione il funzionario- perché mai avrei pensato che con le uscite di sicurezza libere, la segnaletica, le luci di emergenza e tutto il resto potesse succedere quello che è successo». 

Carducci ha chiesto la parola dopo che alcuni operatori del settore dell’intrattenimento hanno giudicato troppo restrittive le normative sulla sicurezza durante gli eventi. «Se gestisco un evento devo programmare e valutare le possibili conseguenze- ha spiegato Carducci- se in un ristorante ci sono 100 persone che mangiano, lo spazio è tecnicamente diverso da un locale fatto per 100 persone che ballano». La morsa sulla sicurezza, spiega Carducci, non è una novità degli ultimi mesi.  Tre anni fa infatti, ha ricordato il funzionario, storiche sagre in alcuni paesi della provincia furono annullate: «Adesso c’è una migliore coscienza e una cultura che pian piano si sta espandendo, ma la circolare numero 16 del 1951 (Norme di sicurezza per la costruzione, l'esercizio e la vigilanza dei teatri, cinematografi e altri locali di spettacolo in genere, ndr) diceva esattamente le stesse cose. Le norme tecniche sono le medesime di 30 anni fa, anche se è ovvio che i fatti eccezionali presuppongono una maggior attenzione». E’ stato a questo punto che la mente del funzionario è tornata alla notte tra il 7 e l’8 dicembre con quell’inaccettabile dato di fatto: «Le persone che sono uscite sono morte e le persone che stavano dentro si sono salvate». 

Intrattenimento e sicurezza: «Dopo Corinaldo l'intrattenimento sta morendo»
Sicurezza negli eventi pubblici, gli operatori: «Da Corinaldo in poi l’intrattenimento sta morendo»

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Potrebbe interessarti: https://www.anconatoday.it/attualita/sicurezza-locali-eventi-pubblici.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/AnconaToday/269258656438884

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento