Strage di Corinaldo, chiusa l'altra indagine: quella su permessi e sicurezza della discoteca

In partenza gli avvisi di chiusura indagine per coloro che la Procura ritiene responsabile di una sfilza infinita di irregolarità su permessi e sicurezza della discoteca di Corinaldo Lanterna Azzurra

Il procuratore capo Monica Garulli insieme ai carabinieri del Nucleo Investigativo

Chiuso il filone principale dell’inchiesta della strage di Corinaldo, quello che ricostruisce la filiera di negligenze sulle condizioni di sicurezza dell’ex “Lanterna Azzurra Clubbing”, la discoteca dove, la notte tra il 7 e l’8 dicembre 2018, morirono Benedetta Vitali e Mattia Orlandi di 15 anni, le 14enni Asia Nasoni ed Emma Fabini, Daniele Pongetti di 16 anni e la giovane mamma Eleonora Girolomini di 39 anni. Il Procuratore capo di Ancona Monica Garulli ha firmato formalmente il 415bis proprio ieri, nel giorno in cui sono arrivate le prime sentenze di condanna a carico dei componenti della banda della Bassa Modenese. 

In queste ore dunque stanno partendo gli avvisi di chiusura indagine per coloro che la Procura ritiene responsabili di una sfilza infinita di irregolarità le cui origini risalgono addirittura alla classificazione del locale nelle carte catastali del comune di Corinaldo, dove il locale della tragedia viene indicato come un magazzino agricolo. In questa parte delle indagini dei carabinieri del Nucleo investigativo di Ancona infatti pesa la perizia del colonnello del Genio dei carabinieri Marcello Mangione, che doveva rispondere all’ultimo dei 4 quesiti fondamentali posti dai pm Paolo Gubinelli e Valentina Bavai, verificando la rispondenza con il piano di emergenza e di evacuazione approvato dalla Commissione unificata di vigilanza (che nell'ottobre 2017 diede il via libera per la licenza) e lo stato della discoteca rispetto all’autorizzazione per l’attività di spettacolo rilasciata alla Magic Srl nell’ottobre 2017 dal Suap (Sportello unico per le attività produttive) dell’Unione dei Comuni Misa-Nevola. In particolare la Commissione di vigilanza aveva impartito una serie (14 esattamente) di prescrizioni per poter organizzare serata alla Lanterna Azzurra ma, sempre secondo quella perizia, nessuno avrebbe mai più controllato. Tanto che, al tempo, erano finiti nel registro degli indagati non solo proprietari e gestori del locale, ma anche tutti componenti della Commissione di vigilanza, compreso il sindaco di Corinaldo Matteo Principi che la presiedeva, sulla quale pesa l'ipotesi di aver prodotto licenze a fronte di documenti falsi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Scarpe Lidl, mania anche ad Ancona: scaffali svuotati in mezz'ora, maxi rivendite

  • Zona arancione, per Acquaroli non basta: «Presto ordinanza anti-assembramento»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

Torna su
AnconaToday è in caricamento