Cronaca

Colori per un ospedale che accoglie, inaugurata una stanza Caleidoscopio ad Oncologia

«Non solo terapie adeguate, ma un vero e proprio ospedale gentile, generoso e geniale che accolga il paziente e la sua famiglia» ha spiegato Rossana Berardi

Una stanza caleidoscopio, piena di colori, in cui i pazienti in cura in day hospital possano vivere uno spazio e un tempo "non ospedalieri". Un'area colorata e dedicata ai bimbi che arrivano in reparto per visitare parenti ricoverati. I due nuovi ambienti inaugurati oggi alla Clinica Oncologica degli Ospedali Riuniti di Ancona fanno parte di un percorso di progressiva umanizzazione della cura. «Non solo terapie adeguate, ha spiegato la direttrice del reparto Clinica di Oncologia Rossana Berardi - ma un vero e proprio "ospedale gentile, generoso e geniale" che accolga il paziente e la sua famiglia, con lo sguardo rivolto alla persona. Arredata con mobili e poltrone colorate e luci proiettate sul soffitto, è la stanza dove i pazienti vengono sottoposti a chemioterapia, con due 'caschi' Dignicap, apparecchiature refrigerate di ultima generazione che servono ad evitare la perdita dei capelli.

«L’accoglienza è un fattore molto importante nel momento in cui ti rivolgi al sistema sanitario – ha detto nel suo intervento il presidente della Regione, Luca Ceriscioli – è importante infatti anche come una struttura ti accoglie e ti mette nelle migliori condizioni per poter vivere un momento complicato gestito al meglio. Vivere la malattia con tutto quello che c’è bisogno in termini di tecnologia e tutto il resto con un livello di umanità molto forte potendo stare anche vicino ai propri figli». Oltre che dalla Berardi, i progetti sono stati presentati dal Direttore Generale degli Ospedali Riuniti di Ancona Michele Caporossi e dal Presidente della Fondazione Ospedali Riuniti Marisa Carnevali. «Da oggi cade un tabù, quello della caduta dei capelli nei pazienti oncologici in trattamento con chemioterapia - ha sottolineato Michele Caporossi - Gli spazi che inauguriamo rientrano in un più ampio progetto di accoglienza e benessere dei pazienti che si affidano alla Clinica Oncologica, che è iniziato con la Pink Room lo scorso anno e proseguirà con la ‘Meditation room’ nei prossimi mesi» ha affermato Rossana Berardi. Tra i presenti anche Sauro Longhi Rettore dell’Università Politecnica delle Marche,  Fabrizio Volpini Presidente Quarta Commissione Regione Marche, Valeria Mancinelli Sindaco Comune di Ancona ed Emma Capogrossi Assessore Servizi Sociali e Sanità Comune di Ancona. 

KALEIDOSCOPE ROOM. E' una stanza trasformata in luci e colori  che si trova in Day Hospital e offre alle pazienti, sottoposte a molte ore di terapia, uno spazio nuovo, non prettamente ospedaliero ma dove trascorrere ore di vita vissuta pienamente. In questa stanza è stata posta anche la ‘dignicap’, una apparecchiatura di ultima generazione che permette di evitare la perdita di capelli durante la chemioterapia. Il nome della stanza è ispirato all’album dei Coldplay Kaleidoscope sulle cui note una scuola di danza anconetana ha messo in scena uno spettacolo e devoluto il ricavato alla clinica Oncologica. Nella zona degenza, è stata predisposta ‘un’area bimbi’, uno spazio all’interno della sala di attesa del reparto clinica oncologica dedicato ai bambini che sono in reparto per andare a trovare un familiare ricoverato. Così i genitori e figli possono stare vicini, animati dalle attività del ‘gioco terapeutico on call’ che prevede la presenza di un educatore per laboratori creativi e del supporto psicologico di operatori appositamente formati per i bimbi che afferiscono all’area. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colori per un ospedale che accoglie, inaugurata una stanza Caleidoscopio ad Oncologia

AnconaToday è in caricamento