L'incubo di una mamma: «Se non torni ammazzo te e tuo figlio». Stalker in manette

Minacce al telefono e su Whatsapp: i carabinieri hanno arrestato a Bologna un giovane papà originario di Jesi che perseguitava l'ex compagna anconetana

foto d'archivio

Telefonate continue, messaggi inquietanti, esplicite minacce di morte: «Se non torni con me vengo lì e ammazzo te e il bambino». L’incubo è durato anni e a placare lo stalker non è bastato il primo divieto di avvicinamento e di comunicazione imposto dal giudice.

Lui, per un anno intero, dal campo rom di Bologna in cui ha trovato ospitalità, ha ripreso a scriverle, a chiamarla, a minacciarla. Alla fine la giovane mamma anconetana, impaurita per sé e per il bimbo di 8 anni dopo le aggressioni fisiche subite in passato, almeno in un paio di circostanze, ha preso coraggio e si è presentata alla caserma dei carabinieri di Brecce Bianche per denunciare ancora una volta il suo ex. Dopo aver svolto gli accertamenti e aver raccolto un quadro indiziario importante, su disposizione del pm Valentina Bavai che ha coordinato le indagini e su richiesta del gip del tribunale di Ancona, i militari nella giornata di ieri sono andati a Bologna per rintracciare e arrestare lo stalker trentenne, un pregiudicato rom bolognese originario di Jesi: era già ai domiciliari e la misura cautelare è stata rinnovata, sempre all’interno del campo rom in cui si trova.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’uomo credeva di aver ottenuto il risultato sperato, con ripetute telefonate e chat minatorie su Whatsapp: in effetti, la sua ex si era chiusa in se stessa e non riusciva più a reagire. Era ormai convinto di tenerla in pugno, con il chiaro intento di renderle la vita impossibile. Ma grazie al sostegno dei carabinieri di Brecce Bianche, la giovane mamma è riuscita a trovare la forza di raccontare l’incubo vissuto e denunciare l’ex che, accecato dalla gelosia, non accettava la fine della loro love story. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento