Cronaca

Stalking: pedinamenti e minacce per ottenere sesso

Un falconarese di 56 anni molestava con pedinamenti e molestie telefoniche una collega infermiera di 30 anni, che viveva barricata in casa in preda al terrore. Denunciato dai carabinieri di Osimo

Una giovane donna di 30 anni costretta a vivere barricata in casa, per paura di essere osservata e controllata. È accaduto a Castelfidardo: la ragazza era diventata l’oggetto dell’ossessione di un collega di lavoro di 56 anni, R. N., residente a Falconara, entrambi infermieri all'ospedale di Torrette, che sette mesi fa si era invaghito in maniera malsana della giovane al punto da perseguitarla con continui pedinamenti, costante violazione della privacy e molestie telefoniche, fatte di degradanti proposte scabrose e volgari. L’uomo era arrivato addirittura a minacciarla per ottenere rapporti sessuali.

L’identificazione dello stalker è stata possibile attraverso i sospetti della donna, e accertata dai carabinieri di Osimo al comando del capitano Conforti con i tabulati telefonici e l’intestatario della stessa scheda telefonica. L’uomo è stato denunciato in stato di libertà.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stalking: pedinamenti e minacce per ottenere sesso

AnconaToday è in caricamento