Spese pazze della Regione, 1,2 milioni di euro in cinque anni

A pochi mesi dalle elezioni, nella bufera finiscono “spese pazze” di vario genere, rendicontate tra il 2008 e il 2012, nell'arco delle ultime due legislature, mentre gli indagati stanno

Il pm Ruggiero Dicuonzo

La lista dei “peccati” dei politici regionali arriverebbe a 1,2 milioni di euro in 5 anni. E’ questa la cifra ricostruita dalla Guardia di Finanza di Ancona per tutta una serie di rimborsi che, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, non rientrerebbero in quelli previsti nella legge sul “Finanziamento dell'attività dei gruppi consiliari” (L.r. 10/08/88 n° 34) o comunque, nella migliore delle ipotesi, non sarebbero stati sufficientemente documentati. 66 gli indagati. Consiglieri regionali e assistenti dei gruppi assembleari. Tutti accusati di peculato, salvo una singola posizione accusata anche di truffa. 

A pochi mesi dalle elezioni, nella bufera finiscono “spese pazze” di vario genere, rendicontate tra il 2008 e il 2012, nell'arco delle ultime due legislature. Oltre ai corsi di lingua e alle cene con i parenti, ce ne sono di accuse mosse dalla procura di Ancona. In questi giorni gli indagati stanno contattando i vari legali per una difesa di fiducia. Nel frattempo sono già scattati i 20 giorni di tempo a disposizione per presentare in cancelleria memorie difensive o chiedere espressamente al pm di essere ascoltati in merito alle proprie accuse. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento