menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un momento della raccolta

Un momento della raccolta

Jesi: dopo 2 mesi di raccolta, sono stati consegnati 350 chili di aiuti alle famiglie

I beni donati, tra i quali generi alimentari, materiale per la scuola, prodotti per la casa, vestiario e intimo, sono stati prelevati settimanalmente dalle associazioni

Venerdì scorso a Jesi si è conclusa l’iniziativa “Spesa solidale”, avviata il 27 maggio e promossa da realtà cittadine quali associazione Culturale ImpAct, la fondazione Caritas Jesina, Croce Rossa Italiana - Comitato di Jesi e Società San Vincenzo de Paoli Ancona, Jesi e Senigallia. Le associazioni si sono unite tra loro collaborando in favore di singoli e famiglie in difficoltà, implementando i servizi già avviati durante la pandemia. Nei supermercati e negozi che hanno aderito (10 realtà quali Drogheria Copparoni, Conad Superstore di Via Don Rettaroli, L’Enneagramma di Bolognini e Virgili, Sì con te di Via Paladini, Sì con te di Via Fausto Coppi, Tigotà Jesi, Conc. Buffetti di Gabriela Cardinali, Kirikù di Laura Loccioni, Macelleria di Gianangeli Settimio e OVS Jesi) i clienti hanno potuto donare parte dei loro acquisti nei centri di raccolta collocati all’interno dei punti vendita.

I beni donati, tra i quali generi alimentari, materiale per la scuola, prodotti per la casa, vestiario e intimo, sono stati prelevati settimanalmente dai membri dell’associazione ImpAct e consegnati alla Caritas e alla San Vincenzo. A giugno e luglio la Croce Rossa ha distribuito porta a porta i pacchi alle famiglie seguite dalla San Vincenzo, per un totale di 350 chili di beni non deperibili. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Venerdì firmo la nuova ordinanza, zona rossa fino al 14 marzo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento