Falconara: dopo cinquant'anni si è spenta la torcia dell'Api

Giovedì alle 16 si è spenta la torcia della Raffineria Api di Falconara marittima, per la prima volta in 50 anni di attività. All'alba, invece, un incendio si è originato nei capannoni di proprietà della raffineria

Giovedì alle 16 si è spenta la torcia della Raffineria Api di Falconara marittima, per la prima volta in 50 anni di attività. Api Raffineria ferma la raffinazione per tutto il 2013, per riprendere l'attività nel 2014. 105 addetti restano al lavoro in turni da 53, mentre 284 lavoratori vanno in cassa integrazione. Un nuovo colpo per l'economia del territorio che preoccupa politica e parti sociali.

INCENDIO. Per un fuoco che si è spento, un altro si è acceso: un rogo si è infatti originato alle prime ore del mattino di ieri nei capannoni di proprietà della raffineria nell'area della ex squadra Rialzo, a Villanova. A scatenare le fiamme, probabilmente, un improvvisato bivacco di alcuni senzatetto che hanno acceso un fuoco di cartacce e cartoni per riscaldarsi. Il fumo nero e denso è stato avvistato dagli addetti alla raffineria, che hanno subito allertato la squadra antincendio interna della raffineria e i vigili del fuoco di Ancona.
Per evitare il ripetersi di episodi simili tutta l’area è stata ripulita da ogni residuo cartaceo. Fortunatamente non ci sono stati feriti o intossicati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo caso anche nelle Marche: positivo al primo test in attesa di controprova

  • Coronavirus, Ceriscioli sta per blindare le Marche. Conte telefona: «Fermi tutti»

  • Coronavirus, Marche blindate: firmata l'ordinanza

  • La malattia ha spento il sorriso di Carlo Termentini, lutto nell’imprenditoria

  • I carabinieri: «Apra il cofano», lui: «C'è solo un po' di fumo». Arrestato con 5 kg di droga

  • Schianto terribile a Posatora, tenta di evitare un gatto e si ribalta: è grave

Torna su
AnconaToday è in caricamento