Cronaca

I borghi svelano gli scrigni di arte e artigianato, al via la 2° edizione di “Spazi e Sapori”

Un’esperienza tra arte, artigianato, architettura e musica. Tante novità per la seconda edizione di “ Spazi e Sapori” l’iniziativa di Confartigianato in collaborazione con la Regione Marche

Il tavolo di presentazione

La seconda edizione, dopo il debutto del 2016  ad Osimo che  ha riscosso un enorme successo,  coinvolgerà quest’anno anche  Loreto e Castelfidardo. Si parte alle 19 del 1° settembre ad Osimo dove verranno organizzate visite guidate nei palazzi nobiliari, chiese, teatro e contemporaneamente in ogni angolo della città sarà possibile assistere a concerti di musica classica, soul, pop, jazz.  Ricca anche l’offerta enogastronomica che verrà proposta dalle 13 attività del centro storico che hanno aderito all’iniziativa con  piatti speciali e menu ideati per l’occasione. Il 6 settembre  sarà la volta di Loreto dove sarà possibile ammirare 18 siti diversi ( Bastione Porta Marina, Bastione Sangallo con la mostra di pittura, il museo storico aeronautico, il Palazzo Apostolico solo per fare qualche esempio) e poi i sapori nelle 9 osterie, pizzerie, ristoranti  che partecipano alla manifestazione, il tutto accompagnato da buona musica. L’8 settembre “Spazi e Sapori” si terrà a Castelfidardo, 13 i siti visitabili ( la Collegiata, Palazzo Tomassini ma anche i laboratori di fisarmoniche). Nella patria della fisarmonica non mancheranno tanti concerti e spettacoli. La seconda edizione di “Spazi e Sapori” si concluderà ad Osimo il 10 settembre

Spazi e sapori, guarda tutto il programma

Questa iniziativa, ha detto il presidente di Confartigianato Graziano Sabbatini, si inserisce in un progetto organico che stiamo portando avanti da anni volto alla valorizzazione dei centri storici e delle sue attività. In rappresentanza del variegato mondo delle piccole imprese, dell’artigianato artistico e tradizionale che costituiscono il tessuto imprenditoriale locale, ha detto Giorgio Cataldi segretario di Confartigianato, stiamo proseguendo il nostro impegno. I centri storici svolgono  un importante ruolo nella valorizzazione dell’identità di un territorio e sono inoltre  destinazione di un turismo che vuole sperimentare il territorio, ammirandone arte e tradizione, la maestria artigiana, i sapori dei suoi prodotti tipici.

Cultura e turismo sono un binomio vincente, ha detto Paolo Picchio responsabile della Confartigianato di Ancona sud, oltre che un volano per l’economia. La nostra vuole essere la proposta fattiva di  nuova strategia di sviluppo, che presti attenzione soprattutto ai centri storici, dove la principale attrazione è la presenza di un patrimonio intangibile che deve essere valorizzato attraverso modelli di sviluppo esperienziali e di qualità.  Un ringraziamento particolare agli architetti Monica di Vincenzo, Manuela Francesca Panini, Annalisa Appolloni, Anna Paola Martini per il grande impegno nella realizzazione del progetto “ Spazi e Sapori”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I borghi svelano gli scrigni di arte e artigianato, al via la 2° edizione di “Spazi e Sapori”

AnconaToday è in caricamento