rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Cronaca

Inseguimento con sparatoria a Posatora, sul carabiniere si procederà per lesioni

La Procura attende l'informativa della Compagnia di Ancona per aprire il fascicolo a carico del militare come atto dovuto essendoci un ferito. L'osimano che ha seminato pericolo e terrore con la fuga a bordo della Polo potrebbe lasciare il reparto di terapia intensiva

ANCONA – Si attende che sia chiarita la prognosi del 53enne osimano per definire la posizione del carabiniere che domenica notte gli ha sparato, nel tentativo di farlo fermare, mentre a bordo di una Polo Volkswagen ha cercato di investirlo dopo una fuga rocambolesca durata per quasi dieci chilometri e terminata in via del Fornetto a Posatora. La Procura attende l'informativa dai militari della Compagnia di Ancona, incaricati per gli accertamenti del caso, per decidere se procedere in prima istanza per lesioni nei confronti del brigadiere 47enne che domenica notte era di servizio al Radiomobile quando c'è stato l'inseguimento per mezza città, dopo che la Polo non si è fermata all'alt in via del Castellano. L'osimano rimasto ferito, che ha precedenti per droga, oggi potrebbe lasciare la terapia intensiva dell'ospedale di Torrette, dove è ricoverato in prognosi riservata dopo l'intervento chirurgico a cui è stato sottoposto lunedì mattina per il colpo di pistola che lo ha ferito alla schiena. Sul suo conto si attendono anche gli esiti degli esami del sangue, per capire se guidava sotto l'effetto di alcol o droghe.

Nella sua auto la Scientifica dei carabinieri ha trovato, durante gli accertamenti, un flacone di metadone in parte già consumato. Dagli accertamenti sul mezzo è risultato che la Polo era priva di assicurazione e la patente del 53enne era scaduta da tre anni. Resta da capire se sono state queste le motivazioni della fuga pericolosa o se ci sia altro. Al momento gli investigatori lo escludono. L'osimano è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e falso, per via della targa dell'auto clonata. In pratica girava con con una targa, davanti e dietro, identica a quella di una donna di Ravenna a cui però non è stato fatto nessun furto. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inseguimento con sparatoria a Posatora, sul carabiniere si procederà per lesioni

AnconaToday è in caricamento