Incinta di nove mesi evita il carcere per spaccio: arrestato solo il compagno

Operai “bellavita” con i soldi dello spaccio, stavano per invadere la Riviera del Conero: l'operazione antidroga dei carabinieri di Osimo porta in carcere tre persone

Mezzo chilo di hashish pronto per essere immesso nel mercato della Valmusone tra le province di Ancona e di Macerata e, con l'arrivo dell'estate, per arrivare sulla Riviera del Conero. C'hanno pensato i carabinieri di Osimo che, al termine dell'operazione denominata Infinito, hanno arrestato tre persone mentre una quarta, una donna al nono mese di gravidanza, è scattata una semplice denuncia perché il suo stato non è stato ritenuto compatibile con il carcere. Gli inquirenti al momento mantengono uno stretto riserbo ma sono convinti di aver messo fine a un pericoloso traffico di droga che fruttava circa 40mila euro al mese e non si faceva remore nell'assoldare baby pusher anche di 13 anni. Soldi che permettevano a tre operai di mantenere un tenore di vita particolarmente alto rispetto alle paghe percepite. In carcere sono finiti un 35enne di Castelfidardo, un 46enne domiciliato a Castelfidardo e una 37enne di Recanati. La compagna convivente del fidardense di 35 anni, di 33 anni, incinta, è stata denunciata a piede libero.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'arresto è avvenuto nella tarda serata di ieri, domenica 24 giugno. La coppia di Castelfidardo era in casa quando alla porta si sono presentati gli altri due. Sulla porta c'è stato un breve colloquio. I militari dell'Arma, agli ordini del maggiore Raffaele Conforti e del comandante del Norm Luciano Almiento, erano appostati in borghese e hanno visto la consegna di alcuni involucri, risultati poi contenere mezzo chilo di hashish. I due sono stati fermati a bordo di una Opel Corsa mentre si stavano allontanando. Dalla successiva perquisizione del mezzo e degli appartamenti dei coinvolti sono spuntati fuori anche soldi, cocaina (circa 12 grammi), bilancini di precisione e sim telefoniche. Si cerca ora di ricostruire tutta la rete dello spaccio, dai pusher minori fino ai consumatori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Elezioni regionali, il nuovo presidente della Regione è Francesco Acquaroli - LA DIRETTA

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

  • Si schianta con un'auto, camper si ribalta: un ferito è gravissimo

  • Vita su Venere, scoperti “escrementi”. L’esperto anconetano: «Ora missione lassù»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento