menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La refurtiva

La refurtiva

Spaccio di cocaina ad Ancona, arrestati un'operaia e un commerciante

La donna è stata portata in carcere perché stava già scontando una misura di pena alternativa per reato legato allo spaccio di sostanze, mentre lui, incensurato, è finito agli arresti domiciliari

Doppio arresto per droga messo in atto dagli agenti di Polizia della Squadra Mobile di Ancona. In manette un’operaia e un commerciante di Ancona. Nel primo caso, B.S. di anni 42, residente ad Ancona, operaia, si è vista arrivare a casa gli agenti con decreto di sospensione cautelare di misura alternativa. La donna era sottoposta ad un programma di recupero per tossicodipendenti per reati in materia di droga, ma le indagini della Polizia hanno portato alla luce come lei avesse continuato la sua attività, frequentando persone del mondo degli stupefacenti e dello spaccio. Ecco perché per la donna si sono aperte le porte del carcere di Villa Fastigi (PU).

In manette anche S.C., 35 anni incensurato e accusato di essere un pusher della cocaina. Il blitz è avvenuto questa mattina intorno alle 12:00, quando gli agenti della Squadra Mobile, dopo aver osservato i suoi spostamenti e le sue frequentazioni, hanno dato il via alla perquisizione personale e in casa. Grazie a ulteriori ricerche in un secondo appartamento di proprietà di una nonna deceduta, di S.C. deceduta, la Polizia ha trovato in tutto 40 grammi di cocaina purissima nascosta dentro un porta bottiglie nonché tre bilancini di precisione atti alla preparazione delle dosi. Su richiesta del pm, l’uomo è stato sottoposto agli arresti domiciliari, anche in considerazione del fatto che era incensurato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Ancona millenaria va in tv: la storia della "dorica" in prima serata

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento