rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Cronaca

Punizioni corporali alle figlie adottive, una l'ha anche violentata

Una ragazzina era riuscita a confidarsi a scuola facendo venire a galla la brutta vicenda familiare

ANCONA - Sei anni e mezzo di carcere per un padre orco. L’uomo, 55 anni, un trascorso come militare, ha avuto una condanna definitiva per aver maltrattato tre sorelle, sue figlie adottive, e averne violentata anche una. Dopo due gradi di giudizio, il primo ad aprile 2019 e il secondo ad aprile del 2022 è arrivata anche la Corte di Cassazione, l’8 marzo scorso, che ha confermato sei anni e mezzo di carcere per maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale. Il provvedimento è stato notificato in questi giorni dalla polizia. La vicenda era stata portata alla luce grazie all’interazione tra il personale docente della scuola frequentata dalla minore, che aveva captato il grave disagio della bambina, anche nei temi che scriveva, e i servizi sociali del Comune della provincia di Ancona, dove il nucleo familiare viveva.

I servizi sociali avevano messo subito in protezione le minorenni allertando, nel contempo, il Tribunale per i Minorenni delle Marche. Dopo mesi di attività investigative, l’uomo era stato denunciato. Le tre sorelline, tutte minorenni, avrebbero patito anche punizioni corporali, costrette a dormire in garage, a saltare i pasti. Una di loro sarebbe stata anche abusata. Tutte accuse che l’uomo ha sempre respinto, parlando di vendetta delle ragazzine perché lui era un padre severo e molto presente. L’uomo è stato portato a Montacuto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Punizioni corporali alle figlie adottive, una l'ha anche violentata

AnconaToday è in caricamento