menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Guardia di finanza al lavoro

Guardia di finanza al lavoro

Incassa i soldi per i pasti dei terremotati senza servirli: denunciato albergatore

L'uomo aveva percepito 9 mila euro per fornire pranzi e cene agli sfollati del terremoto. La guardia di finanza di Civitanova Marche ha sequestrato due auto e beni finanziari per mille euro

Indebita percezione dei fondi post sisma 2016, denunciato dai finanzieri della compagnia di Civitanova Marche un albergatore. Aveva richiesto e ottenuto novemila euro in rimborso dalla Regione Marche per pasti mai somministrati agli ospiti. Sequestrate inoltre due auto e disponibilità finanziarie per oltre mille euro. 

I militari della Compagnia di Civitanova Marche hanno passato al setaccio le sovvenzioni erogate dal predetto Ente alle strutture ricettizie attive nella zona costiera interessate dalla somministrazione dei servizi di vitto e alloggio alle persone sfollate a causa degli eventi sismici che hanno colpito il Centro Italia nell’anno 2016. L’escussione in atti degli ospiti, individuati attraverso gli elenchi consegnati dalla Regione Marche, ha permesso di individuare un albergo della zona costiera che ha richiesto ed ottenuto dall'ente pubblico il rimborso per l’erogazione di oltre 500 pasti che, di fatto, non è mai avvenuta.  

Le Fiamme Gialle, nell’ambito dell’attività di polizia giudiziaria, coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica Enrico Riccioni, hanno quindi quantificato l’importo indebitamente percepito dalla struttura, risultato pari ad oltre 9 mila euro, e provveduto a deferire alla procura di Macerata il legale rappresentante per il reato di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato. La procura della Repubblica ha proposto ed ottenuto dal Gip presso il tribunale di Macerata l’emissione di un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca della somma indebitamente ottenuta dalla Regione, anche attraverso la cautela di beni mobili e immobili di proprietà e nella disponibilità dell’indagato. I finanzieri hanno sottoposto a sequestro due autovetture, una di proprietà e una nella disponibilità del predetto, nonché disponibilità finanziarie per oltre mille euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Ancona millenaria va in tv: la storia della "dorica" in prima serata

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento