Cronaca

Porto: in tredici dentro un container, in manette l'autista del Tir

Tutti uomini e tutti cittadini siriani quelli che lunedì sono stati scoperti mentre si nascondevano dentro un container trasportato da un mezzo pesante alla guida del quale c'era un greco. Intervenuta la Polmare

Erano 13, costretti dentro l'angolo di un container ricavato da delle pareti che li separavano dal carico di materiale metallico trasportato. Sono stati travati così gli immigrati provenienti dalla Siria che nel tardo pomeriggio di lunedì sono stati scoperti dopo uno dei controlli a campione effettuati dalla Polmare. A guidare il tir un cittadino greco che è finito in manette con l'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e sarà difeso di fronte al gip dall'avvocato Andrea Nobili. Il mezzo pesante si era imbarcato nello scafo della nave Superfast che da Patrasso era salpata per il porto dorico.

I 13 migranti, tutti uomini provenienti dalla Siria, si sarebbero i fatti un viaggio di giorni attraversando la Turchia e poi la Grecia. Fortunatamente, sono stati trovati in buone condizioni di salute. Alcuni con documenti siriani e altri senza nessun documento di riconoscimento, sono stati accolti dai mediatori culturale del Gus, a cui gli stranieri avrebbero di detto di essere diretti verso la Svezia o comunque nel nord Europa. Non hanno chiesto l'asilo politico e così sono stati rimandato in Grecia nella stessa nave, che è poi ripartita per la Grecia il giorno dopo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto: in tredici dentro un container, in manette l'autista del Tir

AnconaToday è in caricamento