menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Matteo Pintucci

Matteo Pintucci

Covid-19 e infortuni sul lavoro, i sindacati: «Non abbassare la guardia»

Una percentuale che colloca le Marche all’ottavo posto dopo Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Veneto, Toscana, Liguria e Lazio

Infortuni Covid: nelle Marche da gennaio  al 31 agosto 2020 si sono registrati 1446 casi e cioè il 2,8% del totale in Italia pari a 52.209. Una percentuale che colloca le Marche all’ottavo posto dopo Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Veneto, Toscana, Liguria e Lazio. I morti per Covid nelle Marche, sempre nello stesso periodo, sono 11 ovvero il 3,6% del totale nazionale pari a 303.

Sono questi i dati dell’Inail elaborati dalla Fp Cgil Marche.  Tra i contagi registrati, il 70% sono donne, la fascia di età più colpita è quella tra i 50 e i 64 anni, pari al 44,4% ; a livello territoriale, particolarmente colpite sono le province di Pesaro-Urbino dove si segnala il 39,7% dei contagi e quella di Ancona con il 30,2%. Tra le professioni dove più si contano i contagi c’è   l’ area socio-sanitaria con l’80% dei casi. “In particolare – spiega Matteo Pintucci, segretario generale Fp Cgil Marche – il 42,3% i contagi sono tra i tecnici della salute e gli infermieri, il 26,7% operatori ed educatori sanitari e l’11,4% i medici”.

Il quadro che emerge, secondo Pintucci, “Mette in evidenza che il settore più interessato ai contagi Covid resta quello sanitario e per questo motivo occorre non abbassare la guardia considerando del complessivo aumento dei contagi previsto per l’autunno”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Venerdì firmo la nuova ordinanza, zona rossa fino al 14 marzo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento