Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Sogno di una notte di mezza estate, c'è bisogno di far ballare Shakespeare?

Adattamento in chiave moderna. Tra fatine Winx in un bosco luna park c'è spazio anche per stacchetti stile Amici di Maria. Per fortuna gli attori 

Ce n'era davvero bisogno? È la domanda ricorrente del dopo (ma anche del durante) questo Sogno di una notte di mezza estate diretto da Massimiliano Bruno alla sua prima, ieri (giovedì 1 febbraio), al Teatro delle Muse di Ancona. Ottimamente intepretata dai vari attori, la commedia è riadattata in chiave moderna ma mentre ci può stare – e magari piace anche – veder volteggiare fatine Winx attorno a Titania (Violante Placido) oppure Oberon (Giorgio Pasotti) e Puck (Paolo Ruffini) come circensi in un bosco che somiglia a un luna park, l'umore cambia quando ci si imbatte in stacchetti musicali e balletti di cui si poteva fare abbondantemente a meno. Più Amici di Maria che Shakespeare, insomma. A partire proprio dai primi passi sul palco, con la prima coreografia, sale un brivido alla schiena e scatta la domanda: ce n'era davvero bisogno?

Stessa sensazione di disagio con Puck rapper mentre particolarmente riuscita l'idea di dare a Bottom (Stefano Fresi) e alla sua compagnia il linguaggio che Monicelli coniò per i suoi Brancaleone. Bravi e divertenti anche se con qualche sconfinamento nel cabaret. Dove non c'è Amici c'è Zelig, insomma. Forse il segreto degli applausi, i tanti che arrivano dalla platea delle Muse, è proprio questo: l'aver dato un prodotto televisivo, più che teatrale, a un pubblico assuefatto di tivvù, di talent e meno (molto meno) abituato alle storie. Operazione astuta per consensi effimeri. Chi si ricorderà domani di questo Sogno? Zapping, avanti un altro. Lo spettacolo tornerà in scena stasera (venerdì 2 febbraio) e domani (sabato 3) alle 20.45. Domenica, spettacolo pomeridiano alle 16.30.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sogno di una notte di mezza estate, c'è bisogno di far ballare Shakespeare?

AnconaToday è in caricamento