Il guru del macrobiotico Pianesi accusato di omicidio: “Fece morire la moglie con la sua dieta”

Spunta una nuova indagine della Procura sulla setta del macrobiotico, il cui guru è ora accusato di un reato pesantissimo

Mario Pianesi

La sua ex moglie aveva bisogno di terapie mirate a seguito di un ictus e invece lui la costringeva a curarsi con le sue "diete miracolose". Nuova tegola per Mario Pianesi, fondatore dell’impero milionario “Un punto macrobiotico”, fatto di ristoranti, aziende agricole e punti vendita in tutta Italia. Il guru della macrobiotica, già al centro di un'indagine per associazione per delinquere finalizzata ad una serie di reati, torna sotto accusa per la morte dell'allora moglie Gabriella Monti. Pianesi non solo disponeva le sue dimissioni dagli ospedali ogni qual volta veniva ricoverata per i postumi della malattia, ma aveva anche dato indicazione che fosse confinata in casa e alimentata unicamente con una delle sue diete a base di cereali. Così Gabriella Monti è stata lasciata morire dalla setta del Macrobiotico dietro precise disposizioni dell’allora marito. Ne è convinta la Procura di Ancona che ora, oltre ai reati già ipotizzati nell’inchiesta sulla setta, gli contesta il reato di omicidio. Il 10 settembre scorso, gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Ancona, guidati dal capo Carlo Pinto (foto a destra), si sono presentati a casa del guru della dieta Ma-Pi per notificargli la richiesta di incidente probatorio avanzata al Gip da parte del pm Paolo Gubinelli (foto a sinistra). Che cosa chiedono gli inquirenti? Di poter raccogliere le dichiarazioni di una serie di persone, precedentemente ascoltate a sommarie informazioni, con le stesse modalità del dibattimento, così da cristallizzare le prove prima che possano essere inquinate. Si tratta di medici, infermieri, in generale dipendenti sanitari, ma anche adepti della setta che, al tempo, sarebbero stati testimoni della morte della Monti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come se fosse stata avvelenata

Mario Pianesi, che in passato era arrivato a definire i medici degli assassini, ora è formalmente accusato di un reato pesantissimo: l’omicidio della sua prima moglie. Sulla nuova inchiesta vige il massimo riserbo, ma stando a quanto ricostruito dalla Procura, Gabriella Monti aveva avuto un ictus nel 1997, a cui è seguì un deterioramento fisico, fino alla morte avvenuta il 22 settembre 2001 in un letto del ospedale Lancisi di Ancona. Anni in cui la donna sarebbe stata portata a rifiutare le cure e i ricoveri nelle strutture sanitarie, essa stessa adepta della psico-setta, dunque profondamente convinta di come la macrobiotica fosse l’unica forma di alimentazione perseguibile per la salvezza dell’umanità. Ma soprattutto perché schiacciata dalla cieca idealizzazione della figura di Pianesi che, nel suo caso anche il marito. Nell’ottica della setta infatti, nessuno aveva autonomia decisionale perché vigeva il pensiero unico, cioè quello delle massime di Pianesi, il cui verbo veniva accolto come un dogma da parte degli iscritti all’associazione UPM. Come era accaduto nel caso della donna che arrivò a pesare 35 chili e che denunciò un mondo fatto di condizionamenti mentali a danno di persone particolarmente vulnerabili per la loro storia di vita vissuta. Così Pianesi, sempre secondo le accuse della Procura, confinò in casa la moglie, sorvegliata da alcune adepte, per anni costretta ad alimentarsi esclusivamente con una dieta a base di cereali che presentavano un’alta concentrazione di aflotossine: tossine prodotte da alcune specie di funghi o muffe. Dunque, se la tesi accusatoria fosse confermata, è come se Gabriella Monti fosse stata avvelenata fino all’embolia polmonare e al cedimento del fegato. Minata nel fisico dall’inganno della ricerca di una purificazione da tutte le malattie tramite le diete macrobiotiche e ancor più fiaccata nella mente dalle relazioni extraconiugali del marito. Tra queste quella con Loredana Volpi, che sarebbe poi diventata la sua seconda moglie ed esponente di spicco dell’impero economico celato dietro il nome “Un punto macrobiotico”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento