Cronaca Via Giuseppe Verdi

Senigallia: boa abbandonato tra i rifiuti in via Verdi

I residenti di via Verdi a Senigallia che sono andati a buttare via l'immondizia giovedì mattina, all'altezza del civico 66, di certo non si saranno aspettati di trovare vicino ai cassonetti... un boa conscrictor

Boa Conscrictor (dal web)

I residenti di via Verdi a Senigallia che sono andati a buttare via l’immondizia (o meglio a “conferire la differenziata”, come si dice oggi) giovedì mattina, all’altezza del civico 66, di certo non si saranno aspettati di trovare vicino ai cassonetti... un boa conscrictor.
L’inedito caso di abbandono animale, raccontato dal Resto del Carlino, è stato scoperto giovedì mattina dal Nucleo Operativo Cites di Ancona del Corpo Forestale dello Stato, intervenuto su segnalazione dell’Enpa (Ente Nazionale Protezione Animali) di Ancona.

Il serpente era chiuso all’interno di una teca di vetro coperta da un lenzuolo, e con ogni probabilità l’intervento della Forestale gli ha salvato la vita, essendo una specie tropicale del tutto inadatta a sopravvivere alle rigide temperature invernali italiane.
Il ritrovamento, riporta il quotidiano, è stato segnalato al pubblico ministero Mariangela Farneti: l’ipotesi di reato è quella di abbandono di animale, cui potrebbe aggiungersi il maltrattamento a causa delle condizioni climatiche potenzialmente fatali cui è stato sottoposto il rettile.

Pur trattandosi di specie protette, in Italia la vendita dei serpenti boa constrictor è liberamente consentita, ad eccezione della sottospecie Boa Constrictor Occidentalis, a rischio di estinzione. Sono comunque animali che necessitano di attenzioni molto particolari: proprio la mancanza di volontà di prendersi cura del serpente potrebbe essere la molla che ha fatto scattare l’incosciente abbandono.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Senigallia: boa abbandonato tra i rifiuti in via Verdi

AnconaToday è in caricamento