menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Porto: sigarette di contrabbando nascoste nel pesce fresco

Le bionde, ben 7 tonnellate, erano all'interno di un TIR proveniente dalla Grecia, nascoste da un carico di copertura costituito da 1700 kg di orate, che sono poi state devolute ad enti caritatevoli

I Finanzieri del Comando Provinciale di Ancona, in collaborazione con i funzionari della locale Agenzia delle Dogane, hanno rinvenuto e sequestrato circa 7 tonnellate di sigarette di contrabbando: le bionde erano all’interno di un TIR proveniente dalla Grecia, nascoste da un carico di copertura costituito da casse di pesce fresco.

Le sigarette, con i marchi del tutto nuovi “Sila” e “Glory”, avrebbero avuto un valore commerciale pari a circa un milione e mezzo di euro, compresi i diritti doganali evasi per circa un milione e 300mila euro.
Come emerso dai documenti di trasporto, i tabacchi erano diretti al mercato spagnolo.

tle_pesce_3-2Il conducente dell’autoarticolato, un cittadino greco, è stato associato al complesso penitenziario di Montacuto e dovrà rispondere del reato di contrabbando aggravato.
Su autorizzazione della locale Autorità Giudiziaria, il considerevole carico di copertura, costituito da circa 1.700 kg di orate, è stato devoluto a numerosi enti assistenziali operanti nel capoluogo marchigiano.  

Con questa operazione salgono a circa 60 tonnellate i tabacchi lavorati esteri sequestrati dalle Fiamme Gialle nel porto dorico nei primi nove mesi del 2012.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento