Cronaca Senigallia

Dietro l'attività commerciale c'era il sesso a pagamento: chiuso centro massaggi

Molti dei numerosi clienti riconosciuti e identificati dagli investigatori durante la fase delle indagini tecniche sono stati convocati negli uffici della Squadra Mobile per essere sentiti

Alle 17 di ieri pomeriggio, i poliziotti della Squadra Mobile di Ancona coadiuvati dal personale del commissariato di Senigallia e del Gabinetto Interregionale di Polizia Scientifica, hanno sequestrato un centro massaggi di Senigallia consegnando alla titolare l’avviso di conclusione indagine. L’indagine, iniziata nel marzo 2017 e coordinata dal pm titolare Mariangela Farneti (foto in basso), ha portato alla denuncia della titolare per il reato di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione.

Sequestro centro massaggi a Senigallia

Secondo quanto ricostruito dai poliziotti, diretti dal capo Carlo Pinto, lei, una cinese di 40 anni, insieme ad altre connazionali, utilizzava il centro massaggi per coprire la vera attività, cioè quella di fornire prestazioni sessuali ai clienti del negozio.  La lunga attività investigativa è nata proprio dalla denuncia di una prostituta sfruttata all’interno del centro massaggi, permettendo così di monitorare per lungo tempo il centro benessere, constatando un’assidua frequentazione di avventori di ogni ceto sociale che, con la scusa di fare ingresso nel centro per beneficiare di un massaggio rilassante, cercavano sesso a pagamento.

VIDEO: il blitz della Squadra Mobile

Molti dei numerosi clienti riconosciuti e identificati dagli investigatori durante la fase delle indagini tecniche, effettuate anche con l’ausilio di audio-videoriprese all’interno delle sale massaggi, sono stati convocati negli uffici della Squadra Mobile per essere sentiti in merito alla frequentazione del centro.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dietro l'attività commerciale c'era il sesso a pagamento: chiuso centro massaggi

AnconaToday è in caricamento