Senigallia, sequestrati più di cento fuochi d'artificio: nei guai un commerciante 45enne

Sempre sul fronte dell’uso dei fuochi pirotecnici, stante il divieto imposto dal regolamento di polizia urbana, la notte di Capodanno verranno effettuati controlli tendenti a verificare l’ottemperanza alla disposizione

Parte del materiale sequestrato

Fuochi d’artificio fuori norma, sequestrati più di 100 pezzi dalla Polizia di Senigallia che, coordinata dal primo dirigente Agostino Maurizio Licari, ha effettuato tutta una serie di controlli a carico di attività commerciali che vendono fuochi pirotecnici. Sono stati controllati diversi esercizi presenti nella zona di Senigallia, gestiti da italiani e non. 

Proprio durante questi controlli in vista di Capodanno, è finito nei guai il titolare di un esercizio commerciale di origini orientali. Il commerciante 45enne infatti aveva messo in vendita, in bella vista, una notevole quantità di fuochi privi di etichette di sicurezza e istruzioni d’uso ed altri con indicazioni solo parziali. E così dopo una ricognizione, i poliziotti hanno fatto scattare il sequestro amministrativo di tutti i fuochi risultati non in regola. Che fine faranno? Saranno distrutti. Mentre al commerciante arriverà una multa di almeno qualche centinaio di euro: dalle 20 alle 60 euro per ogni articolo risultato irregolare.

Sempre sul fronte dell’uso dei fuochi pirotecnici, stante il divieto imposto dal regolamento di polizia urbana, la notte di Capodanno verranno effettuati controlli tendenti a verificare l’ottemperanza alla disposizione, chiaramente imposta per garantire la massima sicurezza dei partecipanti alle manifestazioni pubbliche che si svolgeranno durante la notte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Scarpe Lidl, mania anche ad Ancona: scaffali svuotati in mezz'ora, maxi rivendite

  • Zona arancione, per Acquaroli non basta: «Presto ordinanza anti-assembramento»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

Torna su
AnconaToday è in caricamento