Cronaca

Porto: sequestrate 5,3 tonnellate di sigarette di contrabbando

Il metodo di occultamento è risultato del tutto nuovo e sofisticato: non più carichi di copertura di frutta o similari, ma contenitori perfettamente confezionati. In manette l'autista dell'autoarticolato

Nella serata dello scorso 4 maggio, nella ricorrenza di San Ciriaco, Patrono di Ancona, la Guardia di Finanza, in collaborazione con i funzionari della locale Agenzia delle Dogane, ha sequestrato nel porto dorico oltre 5,3 tonnellate di sigarette di contrabbando.
Il carico, secondo i documenti indirizzato verso il Regno Unito, era a bordo di un autoarticolato proveniente dalla Grecia, condotto da un cittadino ellenico che è stato arrestato e associato alla Casa Circondariale di Montacuto.

Il metodo di occultamento è risultato del tutto nuovo e sofisticato. Non più carichi di copertura di frutta o similari, ma contenitori perfettamente confezionati, tali da far ipotizzare, sulle prime, traffici di diversa natura. Infatti, i Finanzieri del I Nucleo del Gruppo di Ancona, che opera nell’ambito portuale, insospettitisi di fronte a pedane di legno – destinate, come illustrato nell’apposita brochure, a pavimentare aree giochi per bambini – hanno voluto approfondire il controllo: rimosse le coperture rivestite di mattonelle 2-2erba sintetica, simile a quella utilizzata per i campi di calcetto, hanno scoperto stecche di sigarette “Palace”, incastonate millimetricamente e sigillate ermeticamente all’interno di queste rubber tiles.

La marca dei tabacchi non risulta omologata presso l’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato. Il valore commerciale di produzione del carico sequestrato arriva a quasi 155.000 euro, mentre i diritti doganali evasi accertati ammontano a circa 1 milione di euro.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto: sequestrate 5,3 tonnellate di sigarette di contrabbando

AnconaToday è in caricamento