Senigallia: spara in aria per spaventare i ladri, ma erano i carabinieri

Un residente di via Belardinelli, a Senigallia, ha sentito dei rumori sospetti e ha sparato in aria un colpo intimidatorio: erano i carabinieri, che lo hanno deferito all'autorità giudiziaria

Questa mattina, alle ore 5 circa, il signor M. M., senigalliese, classe 1946, residente in via Belardinelli, ha cominciato a sentire dei rumori provenire nelle vicinanze della sua casa. Rumori molto sospetti e troppo vicini, che lo hanno fatto subito concludere di essere diventato la vittima di uno dei fin troppo comuni episodi di furto in abitazione: il signor M., dunque, ha ben pensato – anche prima di telefonare a carabinieri o polizia – di esplodere un colpo d’arma da fuoco a scopo intimidatorio, sparando in aria.

Peccato che quei rumori sospetti provenivano proprio da una pattuglia di carabinieri del nucleo operativo radiomobile della compagnia di Senigallia, impegnati in un controllo in quella strada.
I militari, dal canto loro, avendo udito distintamente quello che poteva essere solo uno sparo, hanno subito individuato il pistolero, che naturalmente ha ammesso le sue responsabilità. Nella circostanza, i carabinieri hanno accertato che il colpo che era stato esploso con una pistola regolarmente detenuta dall’uomo, che non aveva procurato danni a persone o cose.
Il signor M, però, è comunque stato deferito all’autorità giudiziaria e  segnalato anche all’autorità provinciale di Polizia di Stato per i provvedimenti di competenza.

Nella circostanza, i carabinieri “ raccomandano a quanti posseggono regolarmente armi in casa di non utilizzarle in nessun altro modo da quello consentito ed autorizzato e, soprattutto, di non utilizzarle in nessun caso a scopo intimidatorio! Qualunque difesa, soprattutto quella del proprio patrimonio, può e deve essere richiesta, in caso di necessità, alle forze dell’ordine. Non è ammissibile pensare di proteggersi dai ladri con l’uso delle armi!”

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

Torna su
AnconaToday è in caricamento