Senigallia: minaccia di darsi fuoco nell’ufficio del sindaco

Un uomo di quarant'anni ha fatto irruzione nell'ufficio del sindaco Mangialardi armato di una tanica di benzina e di un accendino, minacciando di darsi fuoco. Disarmato dalla prontezza del primo cittadino

Nella foto: il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi

Momenti di altissima tensione ieri al Municipio di Senigallia. Un uomo di quarant’anni, residente in città, ha fatto irruzione nell’ufficio del sindaco Maurizio Mangialardi armato di una tanica di benzina e di un accendino. L’uomo si è cosparso di liquido infiammabile e solo la prontezza d’animo del primo cittadino ha evitato il peggio: Mangialardi si è infatti gettato sull’uomo riuscendo a scaraventare a terra l’accendino. Il personale della segreteria hanno poi bloccato l’aspirante torcia umana, per immobilizzarlo nell’attesa dei soccorsi che lo hanno portato in ospedale per un trattamento psichiatrico.

Il quarantenne, un padre di famiglia ridotto allo stremo della sopportazione e della lucidità da una gravissima situazione familiare, con una figlia affetta da problemi psichici, si era già recato nell’ufficio della segreteria in preda alle farneticazioni, per sparire e ricomparire poco dopo con la tanica in mano.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento