Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Senigallia, rubavano rame nei cimiteri: denunciati in tre

Rubavano rame all'interno dei cimiteri i tre cittadini rumeni fermati nei pressi del cimitero delle grazie di Senigallia: fermati dai carabinieri a bordo di un'auto con attrezzi da scasso

Rubavano rame all'interno dei cimiteri i tre cittadini rumeni fermati nei pressi del cimitero delle grazie di Senigallia, ma sono stati fermati dai carabinieri a bordo di un'auto al cui interno sono stati trovati numerosi attrezzi, chiavi alterare e grimaldelli atti allo scasso.

Alle ore 22.30 di venerdì, nel corso di uno specifico servizio finalizzato alla prevenzione dei furti di rame all’interno dei cimiteri, i carabinieri della stazione di Senigallia hanno sottoposto a controllo una vettura Renault Sefrane, con targa francese, che percorreva il viale prospiciente la cinta muraria del cimitero delle Grazie.

A bordo della vettura venivano individuati ed identificati tre cittadini rumeni, due dei quali pregiudicati per reati contro il patrimonio e segnatamente per furto di rame. All’interno della vettura, abilmente occultati, i carabinieri rinvenivano anche numerosi attrezzi, chiavi alterate e grimaldelli atti allo scasso. L’immediata ispezione del cimitero consentiva di verificare che la serratura del cancello principale del cimitero era stata già forzata, mentre non era stato ancora perpetrato alcun furto di rame.

I tre rumeni sono stati deferiti pertanto all’autorità giudiziaria competente, in stato di libertà, per possesso ingiustificato di chiavi alterate e grimaldelli e proposti al questore di Ancona per l’applicazione della misura di prevenzione del rimpatrio con foglio di via obbligatorio dal comune di Senigallia, con divieto di farvi ritorno per tre anni.


I tre denunciati sono: S.A.C., classe 1994, pregiudicato; S.F., classe 1991, pregiudicato; S.A., classe 1970; tutti senza fissa dimora.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Senigallia, rubavano rame nei cimiteri: denunciati in tre

AnconaToday è in caricamento