Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca Senigallia

Eutanasia, il grido di Max Fanelli: «Cannabis terapeutica per tutti»

Max Fanelli, il senigalliese malato di Sla, ha parlato della terapia con la Cannabis e della sua efficacia contro dolori, depressione e disagi legati alla malattia

SENIGALLIA - «Cannabis terapeutica per tutti». E' questo il grido di Max Fanelli. Il senigalliese, malato di Sla, ha parlato della terapia con la Cannabis e di come questa sia riuscita a lenire i suoi problemi legati al sonno, ai dolori, alla depressione e agli altri disagi legati al progredire della sua terribile malattia.

«Solo una terapia mi ha dato benefici immediati nel sonno, contro il dolore e la depressione - dice Max Fanelli - ed è stata la Cannabis Terapeutica. Ne è stato legalizzato l'utilizzo, ma l'acquisto è al carico del paziente ed è molto oneroso, con solo poche farmacie che la trattano. La Cannabis Terapeutica dovrebbe essere per tutti». Max é ancora in un letto, totalmente paralizzato e respira solo grazie a una sonda nella trachea, è alimentato attraverso un tubicino impiantato nell’addome e comunica con il resto del mondo attraverso un computer che gli consente di usare il proprio occhio destro come il dito su una tastiera. Questa è la dura vita di Max Fanelli. Dura, soprattutto ora che vive con un solo occhio funzionante.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eutanasia, il grido di Max Fanelli: «Cannabis terapeutica per tutti»

AnconaToday è in caricamento