Senigallia, evade dai domiciliari per la quarta volta per rubare: arrestato

Stamattina si è tenuta la convalida dell'arresto davanti al tribunale di Ancona. Il giudice ha rimesso gli atti alla Procura di Rimini perché l'uomo si trovava ai domiciliari per un reato commesso nella provincia romagnola

Solo due giorni fa aveva dato qualche grattacapo alle forze dell’ordine per essere evaso per la terza volta nel giro di poche settimane. Poi ieri è successo di nuovo. i carabinieri della stazione di Senigallia, guidati dal comandante Cleto Bucci, hanno ricevuto una segnalazione che li ha portati in un’officina dove c’era una Hyundai Santa Fe’ parcheggiata in attesa di riparazione. E lui era lì. L. G., 47enne di Senigallia che sarebbe dovuto essere a casa a scontare i domiciliari, non solo non era nella sua abitazione lontano da qualsiasi forma di contatto esterno, ma stava anche rubando un’autoradio. Alla vista dei militari, l’uomo, in evidente stato d’agitazione, sosteneva di non avere fatto nulla, anche si i militari non la pensano così dato che hanno scoperto che l’auto era stata appena danneggiata.

Ci sarebbe anche un testimone, che ha riferito di aver sentito dei rumori arrivare dal cortile. Affacciatosi alla finestra aveva visto un uomo seduto sul sedile anteriore destro dell’autovettura Hyundai Santa Fe’ le cui gambe fuoriuscivano dallo sportello e armeggiava con un cacciavite mentre sentiva  dei rumori come se l’uomo stesse rompendo dei componenti in plastica. Una volta arrivati sul posto, i carabinieri lo hanno perquisito e, oltre al cacciavite, gli hanno trovato indosso un cellulare, poi scopertosi rubato. L’uomo è stato quindi dichiarato in stato di arresto per evasione dai domiciliari e furto aggravato dalla violenza sugli oggetti 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stamattina si è tenuta la convalida dell’arresto davanti al tribunale di Ancona. Il giudice ha rimesso gli atti alla Procura di Rimini perché l’uomo si trovava ai domiciliari per un reato commesso nella provincia romagnola. Nel frattempo l’uomo è tornato a casa dove dovrà restare, almeno fino alla prossima deicisione del tribunale di Rimini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento