Cesano tra luci e ombre, liquami nel fiume e delfini in mare

Moria di pesci e carabinieri forestali in azione per uno sversamento di liquami da una ditta: denunciati i responsabili. Nel frattempo un gruppo di cetacei spopola sui social

Liquami verdi che finiscono nel fiume e provocano una moria di pesci. I carabinieri forestali, su segnalazione di un cittadino, sono intervenuti a Senigallia denunciando il direttore e il presidente di una ditta dedita alla lavorazione di prodotti vegetali. Il fatto si è verificato oggi, venerdì 2 giugno. A Farne le spese il fiume Cesano. Con i militari anche personale Arpam e Asur all'opera.  I carabinieri forestali sono intervenuti a Senigallia a seguito della chiamata di un cittadino che segnalava una moria di pesci alla foce del fiume Cesano. Secondo l'Ansa, che ha lanciato la notizia, sono stati anche fatti prelievi nel pozzetto di ispezione dell'azienda, e verificati i depuratori.

I risultati delle analisi sulle sostanze inquinanti presenti nello scarico consentiranno di definire meglio le ipotesi di illecito. I reati ipotizzati sono di danneggiamento aggravato di acque pubbliche e deturpamento delle bellezze naturali. Sempre a Cesano, ma in mare in questo caso, questa mattina è stato avvistato e fotografato un gruppo di delfini che nuotava allegramente al largo. Almeno una decina di cetacei, fotografati a circa 500 metri dalla riva, le cui immagini sono finite sui social riscuotendo molto successo con centinaia di condivisioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • I rifugi di montagna più belli delle Marche

Torna su
AnconaToday è in caricamento