Cronaca Senigallia

Maxi blitz antidroga, usava messaggi in codice: arrestato spacciatore 33enne

L'uomo è responsabile di detenzione illecita, commercio, vendita e cessione di sostanze stupefacenti. Usava messaggi in codice con i suoi clienti. Scattate le manette

I Carabinieri di Senigallia

SENIGALLIA - I Carabinieri di Senigallia hanno arrestato un pusher di 33 anni, ritenuto responsabile di commercio, vendita, detenzione illecita e cessione di hashish. Le indagini sono nate nel luglio 2015, a seguito di un accoltellamento di un ragazzo originario della Romania, avvenuto in un bar di via Podesti. Il fatto era collegato ad un regolamento di conti da parte di due bande, per il controllo della prostituzione.

Nel corso delle indagini erano emersi dei collegamenti tra una prostituta, il suo protettore ed il pusher arrestato. I Carabinieri hanno scoperto che il 33enne, originario della Tunisia, comunicava con i suoi clienti utilizzando messaggi in codice come "Mi prendo un aperitivo" o "Hai un caffè?", per indicare il tipo o la quantità di dosi di droga da acquistare. I militari hanno anche effettuato alcuni appostamenti, scoprendo dei contatti tra il tunisino ed un napoletano, residente da tempo a Senigallia. Dalle indagini è emerso che il partenopeo era il fornitore, che cedeva la droga al pusher che poi la immetteva nel mercato. Solo nella zona della "Montagnola" a Senigallia sono stati 39 gli episodi di spaccio accertati dagli investigatori e contestati al tunisino. Sequestrate alcune dosi di hashish. Il 33enne è stato arrestato e trasferito nel carcere di Montacuto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi blitz antidroga, usava messaggi in codice: arrestato spacciatore 33enne

AnconaToday è in caricamento