Aggressione choc sul lungomare, presa a calci e pugni: è grave

La donna è in prognosi riservata: chi l’ha picchiata si è dato alla fuga. Indagini della polizia

Foto di repertorio

SENIGALLIA - Un uomo l’ha fermata, l’ha scaraventata giù dalla bici e poi l’ha presa a calci e pugni. Aggressione choc ieri mattina sul lungomare Mameli.

La donna, una 40enne originaria della Georgia, ora è ricoverata in prognosi riservata all’ospedale di Senigallia dove è stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico per lesioni alla milza e al rene. Sull’episodio, avvenuto attorno alle 9, indaga la polizia nel più stretto riserbo. L’unica testimonianza sarebbe quella di un passante che ha dato l’allarme: da lontano ha assistito alla scena e ha visto un uomo scappare.

La donna è stata portata all’ospedale dal 118 con un codice rosso. Non è chiaro se l’aggressore conoscesse la vittima o se l’abbia fermata mentre andava in bici per chiederle un’informazione. Fatto sta che di punto in bianco l’ha riempita di calci e pugni, lasciandola a terra per poi darsi alla fuga.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Scarpe Lidl, mania anche ad Ancona: scaffali svuotati in mezz'ora, maxi rivendite

  • Zona arancione, per Acquaroli non basta: «Presto ordinanza anti-assembramento»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

Torna su
AnconaToday è in caricamento