rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca Stazione / Via Ragusa

Via Ragusa, Capodanno nella scuola occupata: "La vera solidarietà è qui"

Molti i gesti di solidarietà da parte degli anconetani nei confronti dei 60 occupanti. Il 30 e il 31 dicembre inoltre, "Casa de nialtri" sarà in piazza Pertini per spiegare alla cittadinanza che cos'è l'emergenza abitativa e il perché dell'occupazione

Turni per pulire, turni per cucinare e turni per la sorveglianza. I 60 "ospiti" dell'ex scuola materna Regina Margherita hanno messo in piedi una vera e propria organizzazione per vivere al meglio nella struttura. La loro autogestione sta funzionando bene, dicono, c'è collaborazione e solidarietà.
E solidarietà starebbe arrivando anche dall'esterno, dagli anconetani residenti nel quartiere e dai cittadini che hanno saputo del'occupazione. Nella scuola infatti, è continuo il via vai di persone che portano coperte, viveri, stufette e abiti.

"Abbiamo le dispense piene di cose da mangiare!- dice soddisfatta Silvana Pazzagli, CSA Asilo Politco-. Anche il Vescovo ci sta appoggiando, chi sta rimanendo da solo è il Comune, non ha il consenso. Noi ce ne andremo via di qui solo quando ci verrà data un'alternativa fattibile e concreta. L'amministrazione dovrebbe ringraziarci perché stiamo risolvendo il loro problema". Monsignor Menichelli, infatti, ha lanciato l'appello affinché si uniscano le forze per risolvere l'emergenza abitativa in città, non solo per gli occupanti ma per chiunque ne abbia bisogno e diritto.

Nell'ex scuola Regina Margherita iniziano anche i preparativi per la festa di Capodanno. Chiunque può partecipare, non solo stando insieme durante la cena ma anche animando la serata con attività culturali e musicali. Per informazioni, si possono contattare i referenti delle associazioni. "Questo è il vero Capodanno di solidarietà, non quello organizzato in piazza Pertini. Il Comune con quella cena dedicata ai bisognosi, sta riconoscendo il problema anche di queste 60 persone. Deve per forza legittimarle e garantire i loro diritti" dichiara la Pazzagli.

Il 30 e il 31 dicembre inoltre, "Casa de nialtri" sarà in piazza Pertini con un tendone per spiegare alla cittadinanza che cos'è l'emergenza abitativa e il perché dell'occupazione. Tutti i giorni, allo sportello per la casa, creato all'interno della scuola, arrivano richieste d'aiuto. Gli organizzatori stanno mappando le persone, le loro situazioni e le loro storie.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Ragusa, Capodanno nella scuola occupata: "La vera solidarietà è qui"

AnconaToday è in caricamento