Scolmatori, incontro tra i due sindaci: «Avanti con il protocollo sui divieti»

I sindaci Mancinelli e Signorini intendono chiedere un nuovo incontro con i rappresentanti di Multiservizi, la società che gestisce il sistema fognario dei due Comuni

La questione degli scolmatori, che in caso di forti piogge riversano liquami fognari in mare e comportano il divieto temporaneo di balneazione, è stata oggetto di un incontro con il sindaco di Ancona Valeria Mancinelli, ricevuta questa mattina al Castello dal sindaco di Falconara Stefania Signorini. Quello di oggi, 23 ottobre, è stato il primo incontro ufficiale tra i sindaci dei due Comuni limitrofi, impegnati ad affrontare in maniera congiunta la tematica dell’inquinamento temporaneo lungo il litorale e a trovare soluzioni anche strutturali per mitigare il fenomeno. Il primo cittadino del capoluogo è arrivato insieme alla dottoressa Giuseppina Cruso, segretario generale del Comune di Ancona.

I sindaci Mancinelli e Signorini intendono chiedere un nuovo incontro con i rappresentanti di Multiservizi, la società che gestisce il sistema fognario dei due Comuni, che ha commissionato uno studio per individuare interventi strutturali capaci di evitare o comunque ridurre lo scarico di liquami in mare. E’ il momento, secondo le due amministrazioni, di concretizzare gli interventi da tempo individuati come prioritari. I due sindaci hanno deciso inoltre di chiedere al più presto un incontro con l’assessore regionale all’Ambiente Angelo Sciapichetti e con il dirigente regionale Stefania Tibaldi. Attraverso un protocollo d’intesa siglato il 18 gennaio i Comuni di Ancona e Falconara hanno infatti avviato un tavolo con Regione Marche, Asur e Arpam per valutare, a fronte del fenomeno di inquinamento temporaneo, una riduzione dei tempi di divieto di balneazione che tenga conto delle statistiche ricavate dalle analisi: i campionamenti e gli esami dell’Arpam sulla qualità dell’acqua marina hanno dimostrato che in genere, dopo 24 ore (ossia nel momento del campionamento delle acque), l’inquinamento non è più presente. Per attendere i risultati delle analisi occorre però mantenere in vigore il divieto per 72 ore. Il tavolo di lavoro avviato dalla Regione mira proprio ad accorciare i tempi di attesa, per non penalizzare i bagnanti e gli operatori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio alla baia, le fiamme divorano il ristorante Spiaggia Bonetti

  • Ricercato in Italia, faceva la bella vita a Santo Domingo: preso latitante marchigiano

  • Alba di fuoco a Portonovo, ogni ipotesi aperta. Bonetti: «Una tragedia ma ripartiremo»

  • La polizia gli chiede i documenti e lui si rifiuta: «Non siete legittimati a farlo»

  • Piazza del Papa come un ring, volano anche bottiglie di vetro: tre giovani in ospedale

  • Terribile schianto in via Conca, tir perde il controllo e schiaccia un'auto

Torna su
AnconaToday è in caricamento