Sanità, sciopero confermato: il 20 dicembre garantite solo urgenza e emergenza

Oltre 400 interventi chirurgici saranno rinviati a data da destinarsi, l'attività ambulatoriale rinviata, le farmacie chiuderanno i battenti e l'attività veterinaria di certificazione delle carni verrà sospesa

I Dirigenti medici, veterinari e sanitari della regione Marche incrociano le braccia nella giornata di domani 20 dicembre. E’ questa la protesta cui aderiranno oltre 2mila dirigenti, bloccando di fatto tutta l’attività programmata per venerdì.

Oltre 400 interventi chirurgici saranno rinviati a data da destinarsi, l’attività ambulatoriale rinviata, le farmacie chiuderanno i battenti e l’attività veterinaria di certificazione delle carni verrà sospesa.  
Negli ospedali Marchigiani e nel territorio il giorno 20 dicembre verrà assicurata solo l’urgenza e l’emergenza.


Le Organizzazioni Sindacali della Dirigenza Medica, Veterinaria e Sanitaria (AAROI-EMAC, ANPO, CGIL MEDICI, CIMO-ASMD, FASSID, FESMED, FVM, UIL MEDICI, AUPI, SINAFO) affidano ad un comunicato stampa le loro motivazioni: “Dopo oltre due anni in cui i Vertici regionali fanno orecchie da mercante, le Organizzazioni sindacali non hanno potuto che confermare lo sciopero indetto il 3 dicembre 2013.
Non ci sono state risposte nemmeno nell’incontro del 16 dicembre con l’Assessore Mezzolani : solo una timida promessa di rivedere alcune decisioni il 30 dicembre prossimo. Troppo poco.”

“Niente in merito alla soluzione immediata del precariato; niente in merito alla richiesta di annullamento del cosiddetto “ospedale Unico”; nulla circa i criteri per la determinazione del taglio razionale dei primariati e delle strutture semplici; nulla circa il taglio del 60% dei Dipartimenti.
Intanto le Direzioni degli Enti Sanitari legiferano con norme che disattendono i più elementari diritti conquistati con difficoltà e con anni di duro lavoro: Dirigenti che si vedono annullate le loro professionalità e la loro dignità, abolizione dei primariati e dei Dipartimenti, impossibilità di garantire la copertura di coloro che vanno in pensione, gravidanze non sostituite, 500.000 ore lavoro non riconosciute, pari a 350 Dirigenti da assumere.”

“Chiediamo scusa ai cittadini, ma lo sciopero rappresenta un segnale dovuto per invertire questo modo di legiferare, unidirezionale e non condiviso. “

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento