Indesit, settimana “calda”: oggi incrociano le braccia i lavoratori di Melano

Fim, Fiom e Uilm: "Chiediamo di rivedere le scelte che hanno poco di industriale e rispondono esclusivamente a logiche finanziarie, una multinazionale italiana deve rimanere in Italia e fare industria e non finanza"

Lavoratori Indesit in protesta davanti al palazzo della Regione (foto archivio)

Sarà una settimana “calda” quella che si profila all’orizzonte per i lavoratori della Indesit Company: proseguono infatti gli scioperi articolati per protestare contro il piano da 1.425 esuberi: oggi incrociano le braccia i lavoratori dello stabilimento di Melano - rendono noto Fim, Fiom e Uilm -, mentre per quello di Albacina la Rsu deciderà in mattinata.

“Chiediamo di rivedere le scelte che hanno poco di industriale e rispondono esclusivamente a logiche finanziarie, una multinazionale italiana deve rimanere in Italia e fare industria e non finanza”.

Fonte: ANSA

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

Torna su
AnconaToday è in caricamento