Schiuma nelle acque del porto, ecco di cosa si tratta

L’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale delle Marche (ARPAM) ha svolto delle analisi dei campionamenti

Dopo la scoperta lo scorso 10 maggio della presenza, nel porto di Ancona, di materiale schiumogeno, inodore e di colore bianco, generato presumibilmente dal moto ondoso creato dalle manovre delle navi in ingresso/uscita, la Guardia Costiera ha confermato che l’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale delle Marche (ARPAM) ha svolto delle analisi dei campionamenti dove è emerso che il fenomeno schiumogeno è stato generato dalla presenza di una “massiccia fiuritura algale monospecifica dovuta alla BACILLARIOFICEA non tossica CHAETOCEROS SOCIALIS”, la quale inglobando particelle di gas naturale contribuisce al conferimento dell’aspetto schiumoso dell’acqua.

Gli uomini della Guardia Costiera di Ancona, proseguiranno il monitoraggio dell’evento in conformità a quanto conferito al Corpo dal Decreto Legislativo 152/2006 - “Testo Unico Ambientale”, a garanzia dell’ambiente e dell’intero ecosistema marino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

Torna su
AnconaToday è in caricamento