Falconara, Comune contro Multiservizi: scontro in tribunale

Battaglia a colpi di carte bollate tra il Comune di Falconara e Multiservizi Spa a causa di due sversamenti di acque reflue in mare avvenuti in sequenza il 18 e 19 marzo scorsi

Scarichi in mare. Il Comune presenta un conto da 12mila euro a Multiservizi ma il caso finisce in Tribunale. Battaglia a colpi di carte bollate tra il Comune di Falconara e Multiservizi Spa, responsabile della rete fognaria, a causa di due sversamenti di acque reflue in mare avvenuti in sequenza il 18 e 19 marzo scorsi.

In quei giorni, stando a quanto accertato dalla locale Capitaneria di Porto, si sono verificati episodi a Palombina Vecchia che nella spiaggia del Centro. Ai verbali dei marinai sono succedute le sanzioni amministrative emesse dalla Polizia Municipale, entrambe per 6000 euro. Multiservizi ha fatto ricorso e chiesto la sospensiva. Il Comune ha deciso di resistere in giudizio. Sarà il giudice del tribunale civile di Ancona a decidere chi ha ragione.

L’udienza è stata fissata per il 20 gennaio. Un’estate davvero problematica per la città. Oltre al maltempo gli operatori hanno dovuto fare i conti con la rete fognaria che, in casi di piogge torrenziali, non ha retto la mole di acque reflue, riversandole così in mare. Durante la stagione estiva per ben quattro volte il sindaco Brandoni è dovuto ricorrere a ordinanze di divieto di balneazione, rientrate dopo i controlli dell’Arpam.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento