Sanità nelle Marche, approvato il programma per il recupero delle liste d'attesa

I piani di potenziamento -spiegano dalla Regione- prevedono un incremento di 3.700 interventi chirurgici con classe di priorita' A e B (ricovero rispettivamente entro 30 e 60 giorni) e il recupero di oltre 40.000 tra visite ed esami con classe di priorità B e D

Foto di repertorio

ANCONA - La giunta regionale approva il Programma di attuazione per il recupero delle liste di attesa che si basa su investimenti per 17,5 milioni di euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Risorse assegnate dallo Stato alle Marche (12,2 milioni di euro) e dalla stessa Regione (oltre 5 milioni di euro). La delibera approvata oggi pianifica le attività di recupero degli interventi e delle visite dando priorità alle urgenze, operando una suddivisione di prestazioni e di relativi budget tra Asur, Ospedali riuniti di Ancona, azienda ospedaliera Marche Nord e Inrca. I piani di potenziamento -spiegano dalla Regione- prevedono un incremento di 3.700 interventi chirurgici con classe di priorita' A e B (ricovero rispettivamente entro 30 e 60 giorni) e il recupero di oltre 40.000 tra visite ed esami con classe di priorità B e D (le brevi da eseguire entro 10 giorni e le differibili da eseguire entro 30 giorni per quanto riguarda le visite ed entro 60 giorni per gli esami). Per il recupero delle liste di attesa il decreto consente di ricorrere a prestazioni aggiuntive per la dirigenza e per il comparto, con l'aumento della tariffa oraria che viene fissata a 80 euro per la dirigenza (rispetto agli iniziali 60) e a 50 euro per il comparto. Si stabilisce inoltre la possibilità di reclutare il personale attraverso assunzioni a tempo determinato o attraverso forme di lavoro autonomo compresa la collaborazione coordinata e continuativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • «Non faccio sesso da 2 anni», donna lo urla ed arrivano decine di persone

  • «Con quella mascherina nera non può votare»: avvocatessa respinta dal seggio

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento