Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca Stazione / Via Dalmazia, 5

Via Dalmazia martoriata dai rifiuti, ora anche i sacchi di cemento

I residenti lamentano la presenza di sacchi di cemento, nocivo se portato a contatto con la pelle, come anche scritto fuori delle confezioni. I cittadini denunciano che quel materiale era ancora presente nelle confezioni

I sacchi di cemento in via Dalmazia

Ancora rifiuti in via Dalmazia. Ormai è una cosa ciclica quella che accade nella via della zona stazione di Ancona. Ogni tanto i residenti si svegliano e scendono in strada, scoprendo che la loro via è diventata una discarica a cielo aperto. E se l'ultima volta i residenti avevano denunciato la presenza di divani abbandonati e prima ancora l'accumulo di montagne di immondizia, di recente quella strada si è trasformata in un raccoglitore per sacchi di cemento. Il fatto risale a qualche giorno fa. Da dove arrivino non è dato sapere. Anche se, lì a pochi metri, c'è il cantiere della nuova rotatoria di piazza Rosselli. Tuttavia non vi è certezza che ci sia un legame diretto tra i lavori della ditta oeprativa nella manutenzione stradale e il degrado della via a pochi passi dalla stazione dorica. Una cosa è certa. Via Dalmazia è stata riepita di sacchi semi vuoti contententi cemento. E ora il problema non è più solo di degrado, già di per sé isnopportabile per i residenti, ma anche di salute.

Infatti i sacchi di cemento, come scritto fuori delle confezioni, contengono materiale che é nocivo se portato a contatto con la pell. Lo stesso composto presente in modo residuale proprio in quelle confezioni. Alcuni residenti hanno anche segnalato il tutto alla Polizia Muncipale. Oggi i sacchi non ci sono più, ma il problema rimane perchè in via Dalmazia, ciclicamente, si trasforma in una zona di raccolta rifiuti a cielo a perto, dove l'immondizia, di  qualsiasi genere, resta lungo la via per giorni e giorni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Dalmazia martoriata dai rifiuti, ora anche i sacchi di cemento

AnconaToday è in caricamento