Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Evasione fiscale, contraffazione e riciclaggio: la Guardia di Finanza fa il bilancio

Presentato il bilancio dell'attività svolta dal Comando Regionale Marche della Guardia di Finanza. Tra gli interventi, il contrasto alla criminalità organizzata, al traffico di droghe e alla tutela ambientale

I risultati dell'attività operativa svolta dal Comando Regionale Marche della Guardia di Finanza sono più che soddisfacenti. A riferirlo il Gen. Umberto Sirico, Comandante Regionale, durante la presentazione del consuntivo 2013. «L'attività della Guardia di Finanza ha toccato tutti i settori della missione istituzionale. I risultati raggiunti sono lusinghieri» afferma il Comandante.
L'attività svolta è stata in materia di tutela delle entrate e delle uscite del bilancio pubblico, dell'economia e dei mercati nonché nella lotta all'evasione fiscale, alla contraffazione e al riciclaggio e al terrorismo.

Nel settore delle imposte dirette e dell'IVA, sono state scoperte basi imponibili sottratte a tassazione per oltre 896milioni di euro, mentre è stata segnalata IVA dovuta per oltre 133milioni di euro. 428 gli evasori totali, 68 gli evasori paratotali. Rispetto a queste categorie di persone, la base imponibile sottratta a tassazione è di oltre 580milioni di euro. 1.275 i lavoratori completamente in nero scoperti, 601 i lavoratori irregolari. Per quanto riguarda l'emissione degli scontrini e delle ricevute fiscali, sono stati riscontrati 3mila casi di violazione, 4.477 i controlli su strada relativi alla circolazione delle merci. In tema di prevenzione e repressione alle frodi comunitarie e al bilancio nazionale e/o locale, sono stati denunciati 94 soggetti che avevano percepito indebitamente contributi per oltre 2.800.000 euro.

Particolare attenzione è stata riservata anche ai reati contro la Pubblica Amministrazione (peculato, concussione, corruzione, abuso d’ufficio, esercizio abusivo di una professione, appalti per pubbliche forniture etc.). Sono stati denunciati 187 soggetti di cui 9 in stato di arresto. La lotta alla criminalità organizzata ha visto adeguata presenza sul territorio regionale concretizzandosi in numerosi interventi. Sono stati denunciati 30 soggetti di cui 1 in stato di arresto con l’esecuzione di 139 accertamenti patrimoniali, nei confronti di persone fisiche e giuridiche, ed il sequestro di valori ed altri beni per oltre 1.600.000 euro.

Nell'attività di contrasto dei tabacchi, sono state sequestrate più di 13 tonnellate di sigarette per un tributo evaso di oltre 3.500.000 euro. Circa 2.000 i Kg di droghe sequestrate in gran parte hashish e marijuana scovate in larga parte nel porto di Ancona.
Svolta anche un'azione di tutela dei mercati e del marchio Made in Italy. E’ stata così evitata un'invasione di prodotti falsi, di incerta provenienza o non sicuri per i consumatori. 9.500.000 i pezzi sequestrati tra cui capi di abbigliamento, accessori e monili, giocattoli, congegni elettrici ed elettronici, minuteria da cucina e da ferramenta, cancelleria. Questi erano destinati anche a fasce deboli della popolazione, erano pericolosi o tossici.  

«La lotta alla contraffazione è molto sentita, abbiamo un'attenzione particolare in questo settore. In estate, con i venditori ambulanti, la contraffazione aumenta notevolmente» riferisce il Gen. Sirico.

Nell’ambito dell’azione di prevenzione e contrasto all’utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio e/o di finanziamento del terrorismo, è stato accertato un riciclaggio di oltre 10milioni di euro. 2.500 le banconote false di vari tagli confiscate. Particolare attenzione è stata riservata poi alla tutela del patrimonio ambientale.
Scoperte 326 violazioni e sequestrate oltre 4.600 tonnellate di rifiuti industriali stoccati in vari siti abusivi.

Infine, in tema di polizia marittima, sono state svolte numerose missioni a tutela della sicurezza in mare e del rispetto dell’ambiente marino oltre che di di natura fiscale.
Nei vari controlli sono state confiscati quasi 4.100 kg di prodotti ittici.

«Per quanto riguarda le prospettive per il 2014, ci muoveremo in quattro direzioni: lotta all'evasione sfruttando le analisi del rischio; controllo della spesa pubblica; lotta alle infiltrazioni criminali; lotta alla contraffazione e tutela e controllo dei traffici illeciti nel mare» conclude il Comandante Regionale Sirico.

Dal 1° gennaio 2014 è partito il Sistema Informativo Anti Contraffazione (S.I.A.C.), una nuova piattaforma tecnologica creata e gestita dalla Guardia di Finanza che mette in sinergia tutti gli operatori del settore, forze di polizia, titolari di marchi e privative industriali ed intellettuali per migliorare, a fini operativi, la conoscenza e l’analisi delle dinamiche di sviluppo dei fenomeni illeciti inerenti la diffusione dei prodotti illegali. Il pubblico può accedere la sito internet https://siac.gdf.it dove troverà indicazioni e consigli pratici sulle merci contraffatte o pericolose nei diversi settori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evasione fiscale, contraffazione e riciclaggio: la Guardia di Finanza fa il bilancio

AnconaToday è in caricamento