Ragnatele dal cielo, la Regione risponde: “Nessun pericolo, i filamenti sono innocui”

Le analisi Arpam e Ars commissionate dalla Regione Marche evidenzierebbero l'assenza di elementi chimici. Zaffini: "Soddisfatto della risposta ma non so se ci si può fidare o meno"

Non si tratterebbe di sostanze chimiche dannose ma, al contrario, i filamenti bianchi simili a ragnatele scesi dal cielo lo scorso ottobre sarebbero innocui. Il fenomeno aveva interessato diverse località nelle Marche, nel centro Italia ma anche in diversi Paesi europei destando molta preoccupazione. E’ stato l'assessore all'Ambiente Maura Malaspina a riportare oggi in Consiglio regionale, i dati relativi alle analisi sui campioni di "capelli d'angelo" commissionati dalla Regione Marche all'Ars e all'Arpam a seguito di un'interrogazione del consigliere Roberto Zaffini, Lega Nord.

Dalle analisi non emerge alcuna dannosità del fenomeno, assenti elementi chimici come alluminio o bario. Il fenomeno potrebbe essere legato all'intensificarsi del traffico aereo ma, ha dichiarato in Assemblea Malaspina, non ci sono riscontri che si tratti di sostanze chimiche appositamente rilasciate dai velivoli.

Il consigliere Zaffini si dice soddisfatto delle risposte ricevute ma “non so se ci si possa fidare o meno delle analisi dell'Arpam.  Ḕ stato detto che i filamenti sono innocui ma non che cosa sono- dichiara Zaffini-. Avevo richiesto l'analisi a novembre. Sono contento di essere stato tra i primi consiglieri ad aver avuto una risposta sull'argomento. Ḕ la prima volta che viene effettuata un'analisi richiesta da un consigliere. Anche l'Arpam e l'Ars hanno ufficializzato le loro indagini. Ora procederò con un'altra verifica. Ho richiesto un analisi campione sui capelli per monitorare la quantità di metalli pesanti sul nostro territorio. Questi cadendo dal cielo vengono assorbiti dai capelli e possono essere la cause di malattie degenerative”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Scarpe Lidl, mania anche ad Ancona: scaffali svuotati in mezz'ora, maxi rivendite

  • Zona arancione, per Acquaroli non basta: «Presto ordinanza anti-assembramento»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

Torna su
AnconaToday è in caricamento