Più controlli e nuovi contratti: il Comune risparmia 63.400 euro sulle spese telefoniche

«Una parte di questo risparmio è stato già investito su nuovi strumenti hardware che hanno sostituito quelli danneggiati o obsoleti» ha detto l'assessore ai Sistemi informativi Costantino Renato

Foto di repertorio

Da più di due anni è stato avviato un percorso di razionalizzazione delle spese telefoniche che gravano sul bilancio del Comune di Camerano. Il processo di economizzazione è stato possibile grazie all’esame delle singole utenze, in collaborazione con i vari settori, per capirne l’effettivo utilizzo, considerando che alcune sim erano inutilizzate o sembravano non indispensabili. Il secondo passaggio è stato di ricercare nuove proposte per la riduzione dei costi unitari che hanno portato alla stipula di un nuovo contratto, con condizioni che dovrebbero essere sicuramente più vantaggiose per il Comune, sia per quanto riguarda le tariffe applicate sia per i servizi offerti. Nei fatti sono stati valutati dei pacchetti con costi fissi che prevedono, ad esempio, chiamate illimitate “on net” alle utenze dell’amministrazione comunale e un numero predefinito di traffico vocale, messaggi e gbyte per la connessione dati. Terzo passaggio è stato quello di controllare in modo continuo la spesa, in relazione al corretto utilizzo delle apparecchiature date in dotazione e ai costi generati. Dall’analisi dei dati contabili è emerso che c’è stato un risparmio di costi tra il 2018 e il 2019 di 1.485 (-8%) euro. Per il comune cameranense dunque, se si effettua un confronto con l’anno 2011, anno in cui è stato avviato il processo di risparmio, è possibile registrare un abbassamento della spesa totale del 38% (-52% telefonia mobile uffici, -49% telefonia fissa uffici, -5% strutture esterne) con un risparmio totale in 8 anni di 63.400 euro, se si sommano le diminuzioni di spesa tra il 2012 e il 2019.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Una parte di questo risparmio è stato già investito su nuovi strumenti hardware che hanno sostituito tutti quei prodotti che risultavano danneggiati o obsoleti -ha detto l'assessore ai Sistemi informativi Costantino Renato - In particolare è stato acquistato un nuovo server fondamentale per la sicurezza e l’elaborazione dei dati informatici, sono stati sostituiti i pc e gli smartphone più vecchi che avevano problemi di funzionamento, il plotter guasto da anni, sono stati acquistati ricambi hardware vari e avviata la digitalizzazione interna degli atti». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Addio all'architetto D'Alessio, ex assessore: era presidente del Parco del Conero

  • Covid-19, nelle Marche impennata di ricoveri e pazienti in terapia intensiva

  • Droga in casa, bimbo ingerisce cocaina e va in ospedale: genitori e nonni in arresto

  • La mascherina è un optional, blitz dei carabinieri tra la movida: raffica di multe

  • Sconfitta dal Marina alla prima di campionato, l'Anconitana è già una delusione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento