Sabato, 19 Giugno 2021
Cronaca

Morì dopo essere caduto dal tetto di un capanno, risarcita la famiglia dell'operaio

Il fatto risale all'11 gennaio 2013, sul retro del un capannone di un'azienda che si trova in via Caduti Del Lavoro. L'uomo era salito in alto per effettuare un'opera di manutenzione ad alcuni pannelli fotovoltaici

Operai sul tetto - Credit Infophoto

Risarcita la famiglia di Marco Guzzini, il 46enne tecnico anconetano morto l’11 gennaio 2014 dopo essere precipitato dalla tettoia di una ditta in via Caduti del Lavoro, per cui avrebbe dovuto effettuare un intervento di manutenzione sul tetto. A distanza di quasi un anno e mezzo da quella tragedia, la famiglia dell’operaio anconetano è stata risarcita per poco più di 1 milione di euro dalle parti: il legale rappresentante e il direttore dei lavori della ditta, dove quel giorno Guzzini avrebbe dovuto installare dei pannelli fotovoltaici, il titolare della società di cui era dipendente lui stesso. Un risarcimento arrivato pochi giorni fa alla moglie e al figlio del tecnico e che, tramite l’avvocato Michele Di Ruggero (in foto), si erano costituiti parte civile al processo scaturito da quell’incidente. Infatti ci sono ancora 5 indagati: il titolare e il rappresentante legale della società per cui lavorava il tecnico, rappresentati dall’avvocato Alessandro Scaloni, il titolare, il direttore dei lavori e il legale rappresentante della ditta di Brecce Bianche, che aveva richiesto i servizi della società della vittima. Per tutti il pm Marco Pucilli ha chiesto il rinvio a giudizio per i reati di omicidio colposo e violazione delle norme a tutela della sicurezze e salute sul lavoro. Sarà il Gup, nell’udienza fissata per il prossimo 7 Luglio, a decidere se si dovrà procedere con un processo in piena regola.Michele Di Ruggero-2

I FATTI. L'operaio 46enne era lì insieme ai suoi soci per effettuare un lavoro di manutenzione dei pannelli fotovoltaici. L’uomo salì sui bracci meccanici di un muletto per essere “sollevato” fino alla piccola tettoia in lamiera, adiacente al magazzino dell’azienda, ma dopo pochi passi il tettuccio ha ceduto e il vuoto si è aperto sotto i suoi piedi. L'uomo è precipitato da un'altezza di circa 10 metri picchiando forte la testa. L'intervento degli operatori del 118 fu immediato ma dopo poche ore dal suo arrivo al Pronto Soccorso di Torrette, il tecnico anconetano morì.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morì dopo essere caduto dal tetto di un capanno, risarcita la famiglia dell'operaio

AnconaToday è in caricamento