Troppi rischi, la fase-2 dura solo un giorno: il Raval abbassa subito le saracinesche

Il locale di piazza del Papa ha interrotto immediatamente la ripartenza: «Non si può lavorare in serenità e sicurezza». Si va avanti con take away e delivery

Troppe difficoltà, troppe responsabilità che ricadono sull’esercente per il comportamento irrispettoso di pochi. Nel dubbio, il Raval ha deciso di fare marcia indietro. La fase-2 del locale di piazza del Papa è durata soltanto un giorno, dopo di che il titolare, Federico Pesciarelli, ha scelto di fermarsi: continuerà solo con il take away e il delivery. L’annuncio è stato dato su Facebook. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Dopo questi due lunghissimi mesi di chiusura forzata, ieri abbiamo riaperto il nostro locale nel rispetto di tutte le regole imposte dalla situazione attuale, mettendo in sicurezza lo spazio, i nostri dipendenti e tutti gli avventori. La maggior parte degli ospiti si è comportata in maniera corretta ma, forse per la voglia di stare insieme dopo il lockdown, alcuni clienti non hanno capito l’importanza di rispettare tali regole e non ci hanno consentito di lavorare in serenità e in sicurezza. Questa situazione ci preoccupa, in primis, per una questione sanitaria ma anche a causa della legge che fa ricadere responsabilità e comportamenti individuali su noi gestori e proprietari. Dopo un'attenta riflessione condivisa fra soci e dipendenti abbiamo deciso, per il momento, di chiudere nuovamente il nostro locale e di tornare a lavorare con il servizio home delivery e take away su prenotazione di “Around the world” che sarebbe andato avanti comunque.
Lavoreremo, nel frattempo, per cercare di trovare soluzioni con chiunque voglia affrontare in maniera concreta le problematiche specifiche che abbiamo riscontrato nel nostro settore di lavoro, che si basa, per lo più, su principi di aggregazione e convivialità, situazioni che, attualmente, sono in piena contraddizione con le normative da mettere in pratica. A presto, lo staff del Raval». 

Movida, Rubini (Aic): «I gestori non possono rischiare per comportamenti individuali»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

  • Meteo, l'autunno irrompe sulle Marche: in arrivo temporali e crollano le temperature

  • Sconfitta dal Marina alla prima di campionato, l'Anconitana è già una delusione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento