menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Marina Serraiocco e Diego Di Domenico

Marina Serraiocco e Diego Di Domenico

Marina e Domenico, un anno dopo il Rigopiano: la Regione ricorda le vittime della tragedia

Il Presidente della Regione Luca Ceriscioli e la giunta hanno voluto manifestare la vicinanza ad amici, parenti e concittadini delle vittime della tragedia di Farindola

A un anno dalla tragedia di Rigopiano, la Regione Marche ricorda le vittime della sciagura. Nella tragedia, tra gli altri, persero la vita Domenico Di Michelangelo, 41 anni, agente delle Volanti di Osimo e sua moglie Marina Serraiocco, 37 anni, commerciante. La coppia ha lasciato un figlio di 7 anni, estratto vivo dalle macerie. 

«Ai loro familiari, agli amici e ai concittadini il presidente e la giunta, in rappresentanza dell'intera comunità regionale, esprimono sentimenti di sincero affetto e vicinanza – si legge in una nota della Regione Marche- in questo giorno di memoria un pensiero riconoscente va anche alla generosità, alla professionalità e al lavoro dei soccorritori, che si sono spesi con coraggio nel difficile compito del salvataggio».

Il 18 gennaio 2017 ventinove persone persero la vita per la slavina di neve che travolse e distrusse il resort ai piedi del Gran Sasso. Oltre ai due osimani persero la vita altri 4 marchigiani: Marco Vagnarelli, 44 anni, operaio della Whirlpool di Comunanza e Paola Tomassini, di 46, barista della società Autogrill, che erano nell'albergo di Farindola per una breve vacanza sulla neve. Emanuele Bonifazi, il 31enne addetto alla reception dell'albergo, era di Pioraco (Macerata). Marco Tanda, pilota Ryanair, di Castelraimondo (Macerata).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento