Materiale elettrico destinato alla Nigeria, scoperto deposito abusivo: denunciata una coppia

Avevano avviato una discreta attività di deposito di apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso in un locale commerciale lungo la Adriatica, dove sono intervenuti i Carabinieri del Noe

Il locale posto sotto sequestro del NOE dei Carabinieri

Avevano creato un giro di rifiuti composti da materiale elettrico ed elettronico che veniva depositato in un locale abbandonato. Destinazione porto di Tincan Island, Nigeria, nazione da cui provenivano i due che sono stati denunciati dai carabinieri della Tenenza di Falconara Marittima per gestione illecita di rifiuti speciali pericolosi.

La coppia di nigeriani, lui 54 anni e lei 48, avevano avviato una discreta attività di deposito di apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso in un locale commerciale sulla strada Adriatica in località Rocca Priora. All’interno i militari falconaresei, coadiuvati dagli uomini del Nucleo Operativo Ecologico di Ancona, hanno posto sotto sequestro l’intero locale al cui interno c'erano più di un centinaio di frigoriferi in stato di manifesta obsolescenza. Poco vicino c'erano anche 2 furgoni privi di targa ed in stato di abbandono, adibiti di fatto a contenitori di ulteriori rifiuti. Sigilli anche per i due mezzi abbandonati.

Un'attività, quella accertata dagli uomini dell’Arma, risultata praticata in assenza delle prescritte autorizzazioni in materia ambientale, anche perché il fine ultimo della coppia era quella di esportare quei rifiuti in Nigeria dove essere riciclati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento