Il Comune mette in rete i musei ma per ora solo sul web

Cinque strutture museali messe insieme nel progetto Mira. Si punta alla promozione comune ma l’unico biglietto integrato è per i civici

la terrazza del museo Archeologico con la copia dei Bronzi dorati di Pergola

Pinacoteca, Museo della Città, Archeologico, Diocesano e Omero. Cinque contenitori culturali della città che ora vengono messi insieme per fare gioco di squadra. Che, per ora, è solo sul virtuale di un sito comune per pubblicizzarli. Muove i primi passi il progetto Mira, Musei in rete Ancona, che punta a promuovere la rete museale dorica. L’amministrazione comunale punta a valorizzare il patrimonio e le attività culturali della città. Come? “Creando – si legge in una nota di Palazzo del Popolo – un’identità dentro la quale fare riconoscere tutti i musei, senza nulla togliere alla “personalità” e alle caratteristiche di ciascun museo”. Il prossimo 28 aprile è previsto il primo evento ufficiale della rete con un trekking tra i musei per scoprire le collezioni permanenti attraverso una passeggiata culturale all’interno della città.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Grande la soddisfazione espressa dagli operatori dei 5 musei cittadini che apprezzano un progetto che mette insieme un patrimonio molto ampio, vario e diversificato nonchè competenze ed esperienze specifiche, un progetto in grado di esercitare un forte richiamo per il Turismo d'Arte del capoluogo» prosegue la nota. Il tutto però, al momento, si traduce solo in un unico sito web per promuovere le strutture. Manca, ad esempio, come accade in altre città d'arte, un biglietto unico integrato per visitare tutte le strutture. Solo due sono collegate tra loro: con 6 euro è possibile visitare sia la Pinacoteca Podesti che il Museo della Città. Gratuiti il Museo Tattile Omero e il Museo Diocesano, si pagano 5 euro (intero) a parte per l’Archeologico. Mira è in fase embrionale. L’obiettivo è di attrarre cittadini, croceristi e turisti in generale e arrivare “a coinvolgere cittadini e attività del territorio all’interno di un Sistema Turistico d’Arte” fanno sapere dal Comune. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento