Jesi: restaurata la “Deposizione” di Lorenzo Lotto

Una delle opere più preziose della Pinacoteca Civica di Jesi e dell'intera produzione pittorica della prima metà del sec. XVI, torna a nuova vita attraverso una virtuosa collaborazione tra pubblico e privato

Grazie al contributo della Caterpillar Hydraulics Italia,  si è da poco concluso infatti il restauro della tavola del maestro veneziano conservata nella prima delle sale lottesche di Palazzo Pianetti, dopo un delicato lavoro durato oltre un mese. L'intervento conservativo ha riguardato il supporto ligneo de la "Deposizione", un olio su tavola datato 1512, che presentava delle preoccupanti alterazioni fisiche dovute alle condizioni termo igrometriche degli ambienti espositivi. L'operazione è stata realizzata senza che si rendesse necessario lo spostamento della preziossima opera, impiantando il cantiere di restauro all'interno della sala della pinacoteca dove il dipinto è conservato ed esposto.

Dopo la messa in sicurezza del supporto ligneo, la "Deposizione" può tornare dunque ad essere ammirata in tutto il suo splendore, restituita al nostro patrimonio storico e artistico dal felice incontro tra la necessità del pubblico di preservare il bene e la virtù del privato di contribuire materialmente alla sua conservazione, giovandosi degli strumenti che il decreto legge Franceschini contenente il cosiddetto "Art-Bonus" sulle erogazioni liberali mette ora a disposizione di imprese e privati cittadini.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Scarpe Lidl, mania anche ad Ancona: scaffali svuotati in mezz'ora, maxi rivendite

  • Zona arancione, per Acquaroli non basta: «Presto ordinanza anti-assembramento»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

Torna su
AnconaToday è in caricamento